Ucraina, Nato: “La guerra potrebbe durare anni”

La cronaca del 116esimo giorno di guerra in Ucraina, tra scontri sul campo e sforzi diplomatici: tutti gli aggiornamenti

Ucraina Nato
Foto Wikimedia Commons | president.gov.ua (CC BY-SA 4.0)
newsby Alessandro Bolzani19 Giugno 2022


Il 116esimo giorno della guerra in Ucraina è iniziato con il sinistro monito di Jens Stoltenberg, il segretario generale della Nato, che ha messo in guardia nei confronti di un conflitto che “potrebbe durare anni”. Ha anche suggerito di “non indebolire il sostegno all’Ucraina, anche se i costi sono elevati, non solo in termini di supporto militare, ma anche a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari”. Secondo Stoltenberg, “i costi di cibo e carburante non sono nulla rispetto a quelli pagati quotidianamente dagli ucraini in prima linea. Inoltre, se il presidente russo Vladimir Putin dovesse raggiungere i suoi obiettivi in Ucraina, come quando ha annesso la Crimea nel 2014, dovremmo pagare un prezzo ancora maggiore”. Stoltenberg ha poi sottolineato che “l’invio di armi moderne a Kiev può aumentare la probabilità che l’Ucraina sia in grado di respingere le truppe di Putin dal Donbass”.

Ucraina, la situazione nel sud del Paese


Non daremo via il sud a nessuno“, ha dichiarato Volodymyr Zelensky, il presidente dell’Ucraina, dopo essere tornato dalla sua visita a Mykolaiv e Odessa. “Restituiremo tutto ciò che è nostro e il mare sarà ucraino e sicuro“. Il leader ha poi aggiunto di aver parlato con le truppe e la polizia durante la sua visita. “Il loro umore è fiducioso e non c’è dubbio nei loro occhi che l’Ucraina vincerà la guerra contro gli invasori russi“.

Nel frattempo, Sergiy Gaiday, il governatore del Lugansk, ha dichiarato che la situazione attuale è “difficile, nella città di Lysychansk e nella regione nel suo insieme” perché i russi “stanno bombardando le nostre truppe 24 ore al giorno“. Ha poi ricordato un’espressione tipica, “bisogna prepararsi al peggio e il meglio verrà da sé”,  ha chiesto che le forniture di “armi a lungo raggio arrivino il prima possibile”.

Medvedev: “L’Ue potrebbe sparire prima dell’ingresso dell’Ucraina”

Parlando del possibile ingresso dell’Ucraina nell’Unione europea, Dimitri Medvedev, il vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, è tornato a usare delle parole al vetriolo contro l’occidente. “E se anche l’Ue sparisse per allora? Mi viene da pensare a quale scandalo, a quali sacrifici sono stati fatti sull’altare dell’adesione all’Ue e a quale inganno delle aspettative degli ucraini infelici? Per non portare sfortuna..“, ha scritto su Telegram. Gli ucraini saranno sotto “verifica per decenni. Pertanto, la vera scadenza è la metà del secolo. Non prima“, ha aggiunto.


Tag: RussiaUcraina