Polonia, perdita in un oleodotto che rifornisce l’Europa centrale

Il danno non sarebbe stato causato da un’azione di sabotaggio. Al momento l’intelligence polacca sta portando avanti un’inchiesta

Polonia, danni a un gasdotto
Foto Wikimedia Commons | Raysonho
newsby Alessandro Bolzani12 Ottobre 2022


È stata riscontrata una perdita di petrolio nell’oleodotto di Druzhba, in Polonia, necessario per la fornitura di greggio dalla Russia all’Europa Centrale. Al momento non ne sono note le cause. Le autorità polacche hanno rilevato la perdita a circa 70 chilometri dalla città di Plock e hanno dichiarato che riguarda solo una delle linee dell’oleodotto. L’altra, come emerge da un comunicato dell’operatore polacco Pern, sembrerebbe funzionare in modo normale. Berlino ha dichiarato che, nonostante la perdita, le consegne di petrolio non si sono mai fermate.

La Polonia indaga sulle possibili cause

Per correre ai ripari, i servizi di emergenza della Polonia hanno realizzato un invaso di circa 1000 metri quadrati nel quale far confluire il petrolio che sta fuoriuscendo dal gasdotto. Karol Kierzkowski, il capo dei Vigili del fuoco, ha dichiarato che i suoi uomini stanno cercando le perdite in un campo di mais. Qui il greggio è già entrato nel terreno, causando dei danni ambientali che sembrano inevitabili. Il ministero dell’Economia tedesco ha dichiarato che i danni al gasdotto, a differenza di quanto avvenuto con le linee di Nord Stream, non sarebbero il frutto di un sabotaggio.

Stanislaw Zaryn, il portavoce del coordinatore dei servizi di intelligence della Polonia, ha scritto su Twitter che la causa del danno è tutt’ora sotto inchiesta e che non è stata esclusa nessuna ipotesi.

Ucraina, ripristinata la forniture di energia alla centrale di Zaporizhzhia

Nel frattempo, in Ucraina è stata ripristinata la fornitura di energia elettrica alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. Lo ha reso noto su Telegram Vladimir Rogov, il dirigente delle autorità filorusse regionali. “La normale alimentazione della centrale nucleare di Zaporizhzhia è stata ripristinata. I generatori diesel di riserva sono stati utilizzati per meno di un’ora”, ha scritto su Telegram.

Nel corso della notte, l’esercito russo ha lanciato sette missili S-300 contro la città di Zaporizhzhia e i suoi sobborghi, dove si trova la centrale nucleare più grande d’Europa. “Il nemico ha nuovamente lanciato un attacco missilistico notturno. Sette missili S-300 sono stati sparati contro Zaporizhzhia e i suoi sobborghi”, ha dichiarato Oleksandr Starukh, il capo dell’Amministrazione militare della regione. “Tre missili hanno causato distruzione in uno dei villaggi vicini a Zaporizhzhia: un edificio è stato parzialmente distrutto, i nostri soccorritori hanno estratto tre persone dalle macerie. Non ci sono morti”, ha detto Starukh. Dall’inizio della guerra, 242 civili sono stati uccisi dai missili russi a Zaporizhzhia.


Tag: GasdottoPolonia