Peng Shuai avrà un incontro faccia a faccia con il presidente del Comitato Olimpico

L'incontro tra Thomas Bach e Peng Shuai ha lo scopo di verificare di persona lo stato di salute della tennista e accogliere evenutali richieste di indagine in merito all'aggressione da lei denunciata sui social

peng shuai, cina
Foto Wikimedia Commons
newsby Giulia Martensini3 Febbraio 2022


Il presidente del Comitato Olimpico internazionale (CIO) Thomas Bach ha dichiarato oggi che incontrerà la tennista cinese Peng Shuai all’interno del “circuito chiuso” delle Olimpiadi di Pechino.
Il circuito chiuso o “bolla virtuale” è una zona in cui tutti i partecipanti ai Giochi sono limitati per evitare la diffusione dei contagi.

La rivelazione di Bach dell’imminente apparizione di Peng all’interno di una bolla virtuale creata per tenere i partecipanti ai Giochi separati dal pubblico è arrivata alla vigilia di una cerimonia di apertura che dovrebbe essere quasi priva di leader occidentali. Molti dei quali stanno protestando contro il calpestamento dei diritti umani della Cina in un boicottaggio diplomatico.

Un incontro per verificare lo stato di salute di Peng Shuai

Il benessere di Peng, ex numero uno al mondo di doppio che ha preso parte a tre Olimpiadi, è diventato motivo di preoccupazione a novembre quando ha affermato sui social media che un ex vicepremier cinese, Zhang Gaoli, l’aveva aggredita sessualmente. Dopo essere scomparsa dai radar per tre settimane, lanciando un allarme globale, la tennista era ricomparsa in una serie di video dove si era mostrata in pubblico. Lo scorso dicembre scrisse una mail dove rinnegava quanto detto sull’aggressione. Ma in molti continuano a temere, visto il regime oppressivo del governo cinese, che la tennista non sia così libera come voglia apparire.

Bach ha detto che un incontro faccia a faccia era un logico passo successivo per stabilire se ciò che Peng aveva affermato fosse confermato nella vita reale. “Non è solo un segno di rispetto, ma una necessità di rispettarla e ascoltarla e come vede la situazione, come vuole vivere la sua vita” ha aggiunto.

Abbiamo ascoltato le accuse, abbiamo sentito la negazione. Avremo questo incontro personale e continueremo questa conversazione. E poi conosceremo meglio anche la sua integrità fisica, il suo stato mentale, quando finalmente potremo incontrarci di persona”.

Bach: “Se vorrà un’indagine la sosterremo”

Molti credono che Peng sia limitata dal governo cinese e non sia in grado di parlare liberamente. Tuttavia, Bach ha detto che non credeva che fosse così.

Sappiamo dalle sue spiegazioni durante le videoconferenze che vive qui a Pechino”, ha detto. “Sta segnalando che può muoversi liberamente, che sta trascorrendo del tempo con la sua famiglia e i suoi amici, e ora saremo in grado di fare il passo successivo in un incontro personale per convincerci di persona del suo benessere e del suo stato d’animo”.

Bach ha poi aggiunto che se Peng volesse che le sue accuse fossero indagate, il CIO l’avrebbe supportata.

Se vuole avere un’indagine, la sosterremo anche in questo. Ma è la sua vita, sono le sue accuse”, ha detto Bach. “Ne sapremo di più sulla sua integrità fisica e sul suo stato mentale quando la incontreremo di persona“.

Il CIO ha recentemente parlato con Peng per telefono, ma le preoccupazioni internazionali sulla sua sicurezza e il suo benessere non sono state placate.

La Women’s Tennis Association (WTA) ha sospeso i tornei in Cina a causa delle sue preoccupazioni sulla sicurezza di Peng. La Cina non ha mai commentato direttamente il post iniziale di Peng, ma dopo la mossa della WTA ha affermato di “opporsi alla politicizzazione dello sport“.

 

 


Tag: olimpiadi di PechinoPeng Shuai