No Vax, cinque conduttori radiofonici sono morti di Covid in Usa

Almeno due di loro hanno avuto un ripensamento quando si sono ammalati gravemente, ma erano rimasti “intrappolati” nel loro talk

No Vax, cinque conduttori radiofonici sono morti di Covid in Usa
Radio
newsby Lorenzo Grossi22 Settembre 2021


Nell’ultimo mese, negli Stati Uniti, cinque importanti conduttori di programmi radiofonici no vax sono morti di Covid. Phil Valentine, un importante esponente di destra del Tennessee, aveva pubblicato un brano intitolato “Vaxman”: una canzoncina contro la vaccinazione Covid basata sul brano Taxman dei Beatles. Marc Bernier, un presentatore di Daytona Beach (Florida), si era dichiarato “Mr Anti-Vax”. Dick Farrel, anche lui della Florida, esortava i suoi ascoltatori a non farsi vaccinare, mentre Jimmy DeYoung chiedeva in onda se il vaccino potesse essere una “forma di controllo governativo sul popolo”.

Tutti e quattro gli uomini sono morti in agosto di Coronavirus. Un quinto conduttore radiofonico conservatore, Bob Enyart, è morto il 13 settembre, settimane dopo aver detto ai suoi ascoltatori di boicottare i vaccini che sono stati “sviluppati immoralmente”.

I conduttori radiofonici no vax e la loro influenza negli Stati Uniti

La morte degli uomini, a poche settimane di distanza, ha mostrato sia la profondità del sentimento anti-vaccino tra alcuni conservatori, ma ha anche accentuato i problemi che i talk in radio di destra stanno causando, insieme ad altri media conservatori. Del resto, le vaccinazioni negli Stati Uniti si sono sensibilmente rallentate.

I talk show radiofonici locali sono “chiaramente una forza trainante”, afferma Angelo Carusone, presidente di Media Matters, un cane da guardia dei media progressisti. “Molte persone si concentrano comprensibilmente sul web specialmente quando si tratta di informazioni no vax. Ma la realtà è che quello che scopriremo è che la vera fonte di molti messaggi irresponsabili è stata guidata in gran parte dai media tradizionali: la radio e le forze tradizionali di destra come Fox News”.

L’‘imbuto’ nel quale i presentatori dei talk sono rimasti intrappolati

Sulle stazioni radiofoniche di destra in tutto il paese, i conduttori radiofonici no vax sono rimasti fedeli alle loro posizioni. La radio ha sempre criticato l’establishment e i media tradizionali. E il mettere in discussione i professionisti della salute pubblica ha pesantemente condizionato le scelte dei radioascoltatori. Ne è convinto Brian Rosenwald, uno studioso in residenza presso l’Università della Pennsylvania

Non è più il pubblico a essere un “burattino” della radio. Bensì sono i conduttori radiofonici no vax che sono rimasti “intrappolati da ciò che il pubblico vuole sentire”. “Non c’è un momento facile per dire: ‘Guarda, so di aver messo in discussione i professionisti della salute pubblica, ho messo in discussione l’intera faccenda, ma ora dovresti ascoltarli, vai a farti vaccinare’”. In un certo senso, è come se i buoi fossero ormai scappati dopo avere chiuso la stalla.

I pentimenti in punto di morte dei conduttori radiofonici no vax

Almeno due dei cinque conduttori radiofonici che sono morti hanno avuto un ripensamento quando si sono ammalati gravemente. Alla fine di luglio, dopo che Phil Valentine era stato ricoverato da Covid-19, la voce suo fratello Mark è comparsa sulla WWTN-FM di Nashville. “Per coloro che ascoltano, so che se fosse in grado di dirvi questo, vi direbbe: ‘Andate a farvi vaccinare. Smettete di preoccuparvi della politica. Smettete di preoccuparvi di tutte le teorie della cospirazione, ha detto Mark Valentine. Suo fratello è morto il 21 agosto.

Anche Farrel, morto il 4 agosto, ha cambiato idea, come dichiarato al Washington Post la sua amica Amy Leigh Hair. “Quando si è ammalato molto, mi ha mandato un messaggio e mi ha detto: ‘Questa pandemia non è uno scherzo. Fai l’iniezione’. Ha decisamente ammesso di non averla presa sul serio. Alla fine della giornata, era dispiaciuto per tutto questo”.


Tag: no vaxradioUsa