Iraq, fallito l’attentato con i droni ai danni del primo ministro

Tre droni armati sono stati lanciati contro la residenza del primo ministro iracheno ma solo uno ha colpito il bersaglio. Al momento nessun gruppo ha ancora rivendicato l'attentato

Primo ministro iracheno Mustafa al Kadhimi salvo dopo attentato con i droni
Foto Wikimedia Commons
newsby Giulia Martensini7 Novembre 2021


Il primo ministro iracheno Mustafa al-Kadhimi è uscito illeso in un tentativo di omicidio da droni armati a Baghdad.

Nell’attacco sono stati utilizzati tre droni, di cui due intercettati e abbattuti dalle forze di sicurezza. Un terzo drone ha colpito la residenza, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa statale INA, citando un portavoce del ministero degli interni.

Sei membri delle forze di protezione personale di Kadhimi di stanza fuori dalla sua residenza nella Zona Verde sono stati feriti, hanno riferito a Reuters fonti della sicurezza.

Crescenti tensioni all’interno del Paese

L’attentato ai danni di al-Kadhimi è arrivato due giorni dopo i violenti scontri a Baghdad tra le forze governative e i sostenitori dei partiti politici sostenuti dall’Iran.

L’incidente arriva al culmine di una tensione crescente all’interno del Paese settimane dopo un’elezione generale disputata da gruppi di miliziani sostenuti dall’Iran.
I gruppi che guidano le proteste e le lamentele sul risultato del voto del 10 ottobre sono milizie appoggiate dall’Iran pesantemente armate che hanno perso gran parte del loro potere parlamentare nelle elezioni. Hanno denunciato irregolarità nel voto ma le accuse respinte dai funzionari elettorali del Paese.

Gli Stati Uniti, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e altri hanno invece elogiato le elezioni del 10 ottobre, che sono state per lo più prive di violenza e senza grossi problemi tecnici.

Usa e Iraq condannano l’attentato: “Punta a minare la stabilità del Paese”

Il presidente Barham Salih ha condannato l’attacco come un crimine efferato contro l’Iraq. “Non possiamo accettare che l’Iraq torni nel caos. Questo è un attacco contro il suo sistema costituzionale“, ha affermato in un tweet.

Il religioso musulmano sciita Moqtada al-Sadr, il cui partito è risultato il più grande vincitore nelle elezioni del mese scorso, ha definito l’attacco un atto terroristico contro la stabilità dell’Iraq che mirava a “riportare l’Iraq a una situazione di caos controllato da forze non statali” .

Anche il Dipartimento di Stato USA ha condannato l’attacco e ha offerto assistenza per le indagini.

Questo apparente atto di terrorismo, che condanniamo fermamente, era diretto al cuore dello stato iracheno“, ha detto il portavoce Ned Price in una nota.

Indagini in corso per individuare i colpevoli

Al momento nessun gruppo ha subito rivendicato l’attentato.

Ora è prematuro dire chi ha effettuato l’attacco“, ha dichiarato il funzionario della sicurezza. “Stiamo controllando i nostri rapporti di intelligence e aspettiamo i risultati delle indagini iniziali per puntare il dito contro i colpevoli“.
L’account Twitter ufficiale di Kadhimi ha affermato che il primo ministro era al sicuro e ha invitato alla calma.

Al-Kadhimi, 54 anni, era l’ex capo dei servizi segreti iracheni prima di diventare primo ministro nel maggio dello scorso anno. È considerato dalle milizie vicino agli USA e ha cercato di trovare un equilibrio tra le alleanze dell’Iraq con USA e l’Iran.

 

 


Tag: AttentatoDroniIraqMustafa al-Kadhimi