Hacker e Covid: storica università costretta a chiudere dopo 157 anni

L’ateneo, già nel pieno della crisi pandemica, è stato colpito da un attacco hacker di tipo ransomware nel dicembre 2021: ora ha deciso di chiudere i battenti

Hacker Lincoln College
Foto Unsplash | Mika Baumeister
newsby Alessandro Boldrini10 Maggio 2022


Come se non bastasse la crisi generata dalla pandemia di Covid-19, a causare grossi problemi economici alle strutture pubbliche sono ora gli hacker. Soprattutto tramite i cosiddetti attacchi ransomware, finalizzati cioè ad ottenere un riscatto.

I cybercriminali non risparmiano nessuno: colpiscono in genere gli enti che hanno maggior disponibilità economiche e dunque più facilità a versare delle somme per riottenere i dati sottratti. In tempi recenti, ne sono state vittima diverse strutture sanitarie di Lombardia, Lazio e Veneto, causando grossi disagi a livello gestionale. Ma i pirati del web prendono di mira anche gli istituti scolastici, addirittura costringendo alcuni di questi a chiudere per sempre. Vediamone un esempio.

Hacker e Covid, il Lincoln College in Illinois costretto a chiudere dopo 157 anni   

Il caso più eclatante è quello del Lincoln College, in Illinois. Come riporta il New York Times, l’ateneo già non navigava in buone acque dal punto di vista finanziario. In particolare a causa della pandemia e del conseguente crollo delle iscrizioni da parte degli studenti.

Lincoln College hacker
Foto Wikimedia Commons | Mark Gordon (CC BY-SA 4.0)

A dare il colpo di grazia all’università è stato però l’attacco hacker di tipo ransomware subìto lo scorso dicembre e partito dall’Iran. I cybercriminali sono così riusciti ad accedere ai database dell’istituto, bloccandone i sistemi informatici che gestiscono le iscrizioni delle matricole o le campagne di raccolta fondi.

LEGGI ANCHE: Lazio, cos’è il ‘ransomware’ su cui indaga l’Antiterrorismo  

Non è chiaro quanto l’ateneo abbia sborsato per riacquisire il controllo di tutti i servizi bloccati né come gli hacker vi abbiano avuto accesso. Quel che è certo è che nemmeno un’università privata può sostenere una spesa di questo calibro, visti anche i bilanci già malconci.

LEGGI ANCHE: Aborto, la Corte suprema Usa pronta ad abolirne il diritto 

Stando a quanto raccontato alla stampa statunitense dal rettore del Lincoln College, David Gerlach, all’istituto sarebbero serviti circa 50 milioni di dollari per continuare l’attività. Soldi che, però, non sono arrivati, costringendo così la storica università a prendere la drastica decisione di chiudere per sempre i battenti.

Hacker università
Foto Unsplash | Dom Fou

Ben 157 anni di storia di questa istituzione sono dunque destinati a sparire il 13 maggio, alla fine del semestre. Fondata nel 1865 in onore del 16esimo presidente Usa, Abraham Lincoln, in passato aveva superato diversi eventi drammatici: dall’incendio del campus nel 1912 all’influenza spagnola del ’18; oltre a vari periodi di recessione e due guerre mondiali. Ma il Covid e gli hacker sono stati una sentenza.


Tag: HackerLincoln College