Expo Dubai 2020, Dantedì: il Padiglione Italia celebra l’evento sui social

Per rendere omaggio al sommo poeta, il Commissariato per la partecipazione dell’Italia a Expo Dubai 2020 ha modificato il proprio profilo iconografico sui social e ha realizzato un breve video in cui è presente l’ultimo verso del Paradiso: "L’amor che move il sole e l’altre stelle"

Logo Dantedì a Expo Dubai 2020
Logo Dantedì a Expo Dubai 2020
newsby Alessandro Bolzani26 Marzo 2020


In occasione del Dantedì, la giornata dedicata a Dante Alighieri, il Commissariato per la partecipazione dell’Italia a Expo Dubai 2020 Dubai ha modificato il proprio profilo iconografico sui social, rendendolo simile al sommo poeta.

La ricorrenza, istituita dal ministero dei Beni Culturali, si celebra ogni anno il 25 marzo, il giorno in cui, secondo l’opinione degli studiosi, inizia il viaggio ultraterreno della Divina Commedia (precisamente nell’anno 1300).

Per rendere omaggio a Dante Alighieri, il Commissariato italiano ha creato un breve video in cui è presente l’ultimo verso del Paradiso: “L’amor che move il sole e l’altre stelle”. Una scelta che ben si sposta col tema centrale del Padiglione Italia: “la bellezza che unisce le persone”.

Il Dantedì 2020 si festeggia online

Nonostante l’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del coronavirus Sars-CoV-2, l’edizione 2020 del Dantedì non è stata annullata. Il doveroso omaggio al sommo poeta si è spostato dai luoghi della cultura italiani (musei, accademie, scuole, università ecc.) alla rete e ai media. Per l’occasione, sul web hanno organizzato numerose iniziative, tutte identificate dagli hashtag ufficiali #Dantedì e #IoleggoDante.

I tributi del Padiglione Italia a Expo Dubai 2020

Non è la prima volta in cui il Commissariato per la partecipazione dell’Italia a Expo 2020 Dubai celebra una ricorrenza sui propri canali social. In occasione del centesimo anniversario della nascita di Federico Fellini, il Padiglione Italia ha “vestito” il proprio simbolo iconografico con la sciarpa e il cappello. Indumenti che il regista riminese, noto per pellicole come “La dolce vita”, “Otto e mezzo”, “Roma” e “Amarcord” era solito indossare.


Tag: Expo Dubai 2020