Elon Musk offre aiuto a Tonga per ripristinare la linea Internet

Il miliardario imprenditore si è offerto di aiutare l'isola a ripristinare la connessione Internet andata perduta dopo che lo tsunami dello scorso 15 gennaio aveva danneggiato in modo irreparabile l'unico cavo in fibra ottica che connetteva Tonga con il resto del mondo

elon musk aiuterà Tonga a ripristinare internet
newsby Giulia Martensini9 Febbraio 2022


Elon Musk sta aiutando a riconnettere Tonga a Internet dopo che un’eruzione vulcanica e uno tsunami hanno interrotto le comunicazioni sull’isola. Lo tsunami ha danneggiato l’unico cavo in fibra ottica che connetteva Tonga con il resto del mondo e le riparazioni sottomarine si stanno
rivelando più complesse di quanto si pensasse. Ma ora, con il coinvolgimento di Musk, i residenti di Tonga confidano di riuscire a ripristinare in breve tempo la connessione persa.

Elon Musk in soccorso di Tonga

Musk aveva precedentemente mostrato interesse per la difficile situazione di Tonga. Meno di una settimana dopo l’eruzione, aveva chiesto su Twitter: “Le persone di Tonga potrebbero farci sapere se è importante che SpaceX invii tramite i terminali Starlink?

SpaceX gestisce una rete di quasi 2.000 satelliti a bassa orbita chiamata Starlink, che fornisce servizi Internet a luoghi remoti in tutto il mondo.
Il governo tongano aveva accettato la proposta. Un alto funzionario delle vicine Fiji ha poi twittato che un team di Musk era alle Fiji per stabilire una stazione che avrebbe aiutato a ricollegare Tonga attraverso i satelliti SpaceX.

Continuano gli sforzi per ripristinare le comunicazioni

Nel frattempo, Samiuela Fonua, presidente di Tonga Cable Ltd., la società statale proprietaria del cavo sottomarino in questione, ha detto all’AP che le riparazioni del cavo potrebbero non essere completate fino alla fine della prossima settimana.

Fonua ha detto che la buona notizia era che l’equipaggio a bordo della nave era riuscito a localizzare entrambe le estremità del cavo danneggiato. La cattiva notizia, ha detto, era che i danni erano ingenti. E la compagnia non aveva abbastanza materiale per sostituire gli oltre 80 km di cavi danneggiati.

Un team delle Nazioni Unite ha fornito piccoli satelliti e altro supporto per le telecomunicazioni per aumentare la connettività e le comunicazioni.

Preoccupazioni per i contagi Covid a Tonga

Tre persone sono decedute a causa dell’eruzione del 15 gennaio scorso del massiccio vulcano sottomarino e del conseguente tsunami. Diversi piccoli insediamenti nelle isole periferiche sono stati spazzati via e uno spesso strato di cenere vulcanica, che ha ricoperto l’isola principale, ha contaminato gran parte dell’acqua potabile.

Tonga aveva evitato la pandemia di Covid per più di due anni, ma ora è nel mezzo di un focolaio con nuovi contagi in rapida crescita, che ha costretto l’isola a entrare in lockdown per la prima volta. Il virus è stato apparentemente portato da equipaggi militari stranieri a bordo di navi e aerei che hanno fornito aiuti necessari dopo l’eruzione.

Con molti sfollati all’indomani dell’eruzione, un sistema sanitario già fragile e l’isolamento delle isole, l’epidemia è motivo di particolare preoccupazione.


Tag: Elon MuskTonga