Cop26, Obama a Glasgow per allontanare lo spettro di Trump

L'ex presidente Barack Obama è volato a Glasgow per rassicurare il mondo sul fatto che gli Stati Uniti sono pronti a fare la loro parte per l'ambiente. Nonostante il negazionismo climatico dell'era di Trump

newsby Giulia Martensini8 Novembre 2021



Oggi alla Cop 26 è il giorno di Barack Obama.

L’ex presidente è volato a Glasgow per cercare di dissipare i molteplici dubbi sul fatto che Biden, il Congresso, o l’America siano davvero seri riguardo il cambiamento climatico. Biden ha cercato subito di sanare la ferita e l’autorevolezza sul clima smarrita dagli USA dopo l’amministrazione Trump. Tuttavia, le sue affermazioni avevano bisogno di un supporto ben preciso agli occhi del mondo, soprattutto in un momento in cui il suo consenso in patria è pericolosamente basso.

Il discorso di Obama alla Cop26


L’obiettivo di Obama è quello di convincere il mondo che gli Stati Uniti sono rimasti sulla buona strada, anche durante gli anni di Trump. Molte domande sono infatti sorte durante il summit su come gli USA intendevano recuperare il tempo perduto.
Naturalmente, negli Stati Uniti, alcuni dei nostri progressi si sono bloccati quando il mio successore ha deciso di ritirarsi unilateralmente dall’accordo di Parigi nel suo primo anno in carica. Non ero molto contento di questo“, ha detto Obama.

Riconosco che stiamo vivendo in un momento in cui la cooperazione internazionale si è atrofizzata. In parte a causa della pandemia, in parte a causa dell’aumento del nazionalismo e degli impulsi tribali in tutto il mondo. In parte a causa della mancanza di leadership da parte dell’America  per quattro anni su una serie di questioni multilaterali“, ha specificato Obama .
Il discorso dell’ex presidente è arrivato una settimana dopo l’apparizione di Biden alla conferenza, durante la quale si è esplicitamente scusato per l’abbandono da parte di Trump degli accordi sul clima di Parigi.

I tentativi di Biden di annullare le azioni di Trump

L’apparizione di Obama a una conferenza internazionale è già una mossa insolita per un ex presidente, così come la sua critica pubblica al “mio successore” – il termine più vicino che Obama ha usato senza pronunciare il nome di Trump.

Gli otto anni di amministrazione di Obama hanno messo al centro il cambiamento climatico, lanciando una serie di leggi e provvedimenti a favore dell’ambiente. Molto di questo tuttavia è stato annullato nei quattro anni di governo di Donald Trump, negazionista del clima di lunga data.

Biden ha avuto il compito difficile di ripristinare l’immagine americana agli occhi del mondo. E, per fortuna, non ha perso tempo.

Da quando è entrato in carica, Biden ha annullato molte azioni dell’amministrazione Trump e ha assunto impegni ambiziosi per affrontare la crisi climatica. Ad esempio rientrando nell’accordo di Parigi dopo che Trump ne era uscito.

L’attuale presidente ha ordinato alle agenzie e ai dipartimenti di attuare politiche favorevoli al clima e affrontare la promulgazione dei rollback climatici dei quattro anni precedenti. In uno dei suoi primi ordini esecutivi, Biden ha riaffermato l’obiettivo di raggiungere zero emissioni nette di gas serra entro il 2050.
Il contrasto tra le azioni di questa amministrazione e l’intento sul cambiamento climatico non potrebbe essere un contrasto maggiore con il suo predecessore.

Cosa (non) ha fatto Trump per il clima

Durante la sua campagna nel 2016, Trump aveva già annunciato il suo scetticismo sui cambiamenti climatici. Dopo il suo insediamento nel 2017, la sua amministrazione ha preso decisioni su decisioni che hanno rallentato o depriorizzato l’azione per il clima. Ha annullato le politiche che hanno contribuito a mitigare il riscaldamento, ha allentato le normative per gli inquinatori climatici, ha approvato l’oleodotto Keystone XL, ha lasciato l’accordo di Parigi e altro ancora.

All’inizio del 2017, ad esempio, Trump ha detto all’EPA di smantellare il Clean Power Plan, una politica dell’era Obama che mirava a ridurre le emissioni di carbonio dal settore energetico al 32% al di sotto dei livelli del 2005 entro il 2030. Quel piano avrebbe evitato circa 70 milioni di tonnellate di emissioni entro il 2020 e oltre 400 milioni di tonnellate entro il 2030.

Invece, l’EPA ha sostituito il Clean Power Plan con la regola Affordable Clean Energy (ACE), che non fissava obiettivi nazionali per le emissioni. Consentendo agli stati di decidere come regolare le emissioni delle centrali elettriche.

Si stima che in assenza di una nuova politica federale, le iniziative di Trump hanno causato l’aumento delle emissioni statunitensi di 1,8 miliardi di tonnellate fino al 2035. Questo impatto cumulativo è equivalente a quasi un terzo di tutte le emissioni degli Stati Uniti nel 2019. Di conseguenza, le emissioni totali degli Stati Uniti nel 2035 saranno del 3% superiori a quelle che sarebbero state senza l’amministrazione di Trump.

Sarà ora compito di Biden di recuperare il tempo, e le emissioni, perduti.

 


Tag: Barack ObamaCop 26Donald TrumpJoe BidenStati Uniti