A un anno dall’assalto di Capitol Hill l’America è ancora divisa

Il presidente Joe Biden condurrà una serie di commemorazioni per ricordare l'anniversario dell'assalto mortale alla democrazia statunitense

assalto di Capitol hill, un anno dopo
Foto Wikimedia Commons | TapTheForwardAssist
newsby Giulia Martensini6 Gennaio 2022


Il 6 gennaio 2021, l’America e il mondo rimasero scioccati dalle immagini provenienti da Washington D.C quando un gruppo di manifestanti assaltò Capitol Hill, sede del Congresso americano.

Le immagini dei legislatori statunitensi rannicchiati nella galleria della Camera dei Rappresentanti, con gli insorti che prendevano possesso di uno dei luoghi più iconici degli Usa, fecero il giro del mondo.

Cosa accadde quel giorno a Capitol Hill

Il presidente sconfitto Donald Trump aveva fomentato i suoi seguaci a indire una manifestazione fuori dalla Casa Bianca poco prima di marciare “pacificamente” sul Congresso. Ma li aveva anche esortati a”combattere come l’inferno” per fermare la certificazione dell’elezione di Joe Biden
Aggiungendo che avrebbe marciato con loro verso il Campidoglio, anche se rimasero solo parole. Il tutto condito con affermazioni infondate di frode elettorale di massa nelle elezioni che aveva appena perso .
Il risultato è stato violenza e caos che ha causato la morte di cinque persone nell’immediato dopo, centinaia di accuse e milioni di dollari di danni alle proprietà. Ma il danno alla democrazia nazionale fu il peggiore di tutti i mali.

Dopo l’attacco al Campidoglio Trump venne espulso da Twitter per le dichiarazioni che incoraggiavano la violenza. Fu messo sotto accusa dalla Camera ma assolto dal Senato, lasciandogli la strada per cercare di nuovo la Casa Bianca nel 2024.

Il discorso di Biden nel primo anniversario dell’attacco alla democrazia

Oggi il presidente Joe Biden guiderà una serie di commemorazioni per celebrare un anno dall’insurrezione al Campidoglio. Da quanto trapelato si prevede che esporrà la “singolare responsabilità” che Donald Trump ha avuto per il “caos e la carneficina” di quel giorno.

In un discorso, Biden affronterà direttamente il ruolo dell’ex presidente nell’attacco e i suoi tentativi da allora di distrarre o minimizzare gli eventi, ha detto la Casa Bianca.

In questo momento dobbiamo decidere che tipo di nazione saremo“, dirà il presidente, secondo un estratto diffuso dalla Casa Bianca. “Saremo una nazione che accetta la violenza politica come norma? Diventeremo una nazione in cui permettiamo ai funzionari elettorali di parte di ribaltare la volontà legalmente espressa del popolo?

Saremo una nazione che vive non alla luce della verità ma all’ombra delle bugie? Non possiamo permetterci di essere quel tipo di nazione. La via da seguire è riconoscere la verità e vivere secondo essa”.

Biden è stato chiaro sulla “minaccia che l’ex presidente rappresenta per la nostra democrazia”, ​​ha detto il segretario stampa della Casa Bianca, Jen Psaki. Biden ha ripetutamente affermato che Trump “ha abusato del suo ufficio, ha minato la costituzione e ha ignorato il suo giuramento al popolo americano nel tentativo di accumulare più potere per sé e per i suoi alleati“, ha detto Psaki.

Il presidente dovrebbe anche elogiare il coraggio degli agenti di polizia in inferiorità numerica sulla scena e delineare il lavoro incompiuto che l’America deve fare per guarire, ha affermato la Casa Bianca.

A un anno da Capitol Hill il Congresso e i cittadini sono ancora divisi

L’anniversario offre anche a Biden, che ha promesso di riunire la nazione, un’opportunità per riaffermare un resoconto basato sui fatti.
A un anno dall’attacco infatti, i sondaggi mostrano che gli americani sono ancora divisi nelle loro percezioni su ciò che è accaduto e sul perché. Un sondaggio della Washington Post-University of Maryland ha rilevato che il 72% dei repubblicani afferma che Trump non è responsabile di ciò che è accaduto. Il 58% dei repubblicani ritiene che l’elezione di Biden non fosse legittima e il 40% afferma che la violenza contro il governo a volte è giustificata .

Ma non solo i cittadini, anche lo stesso Congresso degli Stati Uniti appare profondamente diviso. La rivolta mortale del 6 gennaio 2021 sembra aver solo allontanato ulteriormente i legislatori, invece che unirli.

Alcuni membri hanno in programma di celebrare l’anniversario dell’insurrezione del Campidoglio con un momento di silenzio. Altri trascorreranno la giornata a istruire gli americani sul funzionamento della democrazia.
E altri ancora pensano che il più mortale attacco interno al Congresso nella storia della nazione non debba essere ricordato affatto.

A differenza dei passati traumi nazionali, inclusi gli attacchi terroristici del 2001, il Paese è emerso dal 6 gennaio senza una road map concordata per ciò che verrà dopo.
Ma la mancanza di una determinazione bipartisan nell’assegnare la responsabilità dell’assedio o nel riconoscere la minaccia che rappresentava ha eroso la fiducia tra i legislatori. Trasformando le normali controversie legislative in potenziali crisi e lasciando la porta aperta a ulteriori violenze.


Tag: Capitol HillDonald TrumpJoe Biden