Coronavirus, le stime di Confcommercio: “Crollo dei consumi”

Secondo uno studio dell’Associazione, ci sarà un -31,7% a marzo e un calo del 10,4% nel primo trimestre. In caduta libera anche turismo, automobili, abbigliamento e ristorazione. Confcommercio teme una lenta ripresa dopo il Coronavirus

Covid, nel 2021 in Italia ci sarà un boom... del Made in Italy
Covid, nel 2021 in Italia ci sarà un boom... del Made in Italy
newsby Lorenzo Grossi14 Aprile 2020


Sono negativi gli effetti del lockdown legati all’emergenza Coronavirus sull’economia italiana. A marzo c’è stato un crollo dei consumi del 31,7%, rispetto allo stesso periodo del 2019, e una riduzione tendenziale del 10,4% nel primo trimestre. È quanto emerge da uno studio di Confcommercio che ha diffuso oggi i numeri in un report, dove si spiega: “Siamo in presenza di dinamiche inedite sotto il profilo statistico-contabile, che esibiscono tassi di variazione negativi in doppia cifra”. La contrazione del Pil ad aprile potrebbe toccare il 13%, con una riduzione tendenziale del 3,5% nei primi quattro mesi del 2020.

Si segnala inoltre il crollo del turismo, con un -95% degli stranieri a partire dall’ultima settimana di marzo; delle immatricolazioni di auto (-82%), delle vendite di abbigliamento e calzature (-100% per la maggior parte delle aziende non attive su piattaforme virtuali), di bar e ristorazione (-68% considerando anche le attività di delivery a casa). Secondo Confcommercio, i provvedimenti delle autorità nazionali e internazionali non possono modificare il profilo delle perdite di prodotto; anche se potrebbero mitigare notevolmente le perdite di reddito disponibile connesse alla riduzione dell’attività, trasformandole in larga misura in deficit pubblico e quindi debito sovrano.

Il rischio di una lenta ricostruzione dopo il Coronavirus

La crisi economica è pesante, ma Confcommercio ci tiene a dare alcune raccomandazioni. Quando l’Italia riaprirà, sarà costretta ad affrontare il tema della ripresa, che è denso di incognite. Al termine del 2019, infatti, non erano stati ancora recuperati i livelli di reddito disponibile e consumi (in termini reali) che erano stati sperimentati nel 2007: le perdite ammontavano ancora rispettivamente a 1.700 e 800 euro per abitante. Insomma, oggi è necessario evitare che, dopo il Coronavirus, la ricostruzione dei livelli di benessere economico, già depressi nel 2019, duri troppi anni.

Il rischio è la marginalizzazione strutturale del Paese rispetto alle dinamiche internazionali dell’integrazione, dell’innovazione tecnologica, della sostenibilità e della crescita di lungo termine. A pagarne il prezzo più alto sarebbero quindi le generazioni più giovani.


Tag: ConfcommercioCoronavirus