Bar, un settore devastato dal Covid | Tutti i locali che hanno dovuto chiudere

I numeri raccolti da Unioncamere e InfoCamere evidenziano la crisi del settore nei biennio Covid: la situazione dei bar Regione per Regione

Bar chiusi a Milano durante l'emergenza Covid
Foto | Newsby
newsby Marco Enzo Venturini16 Aprile 2022


Dallo scoppio della pandemia c’è una categoria che più di altre ha sofferto una crisi estremamente dolorosa. Si tratta del mondo della ristorazione, in particolare per quanto riguarda i bar. Il numero di locali che in Italia è stato costretto alla chiusura durante l’emergenza Covid, infatti, è drammaticamente elevato.

Lo evidenziano Unioncamere e InfoCamere, in un’indagine che si appoggia sui dati del Registro delle imprese. L’analisi ha passato al setaccio il numero dei bar esistenti in Italia al termine del 2019 (cioè prima della prima, drammatica diffusione del Covid) e li ha confrontati con quelli di fine 2021. Ecco quindi i risultati, che scattano una fotografia sconsolante sul settore.

Bar in Italia nei due anni del Covid: chi ha chiuso, e quali Regioni hanno sofferto di più

Sono tanti i fattori che hanno contribuito alla crisi dei bar. Il 2020 è stato l’anno in cui il Covid ha costretto a lungo i locali a prolungate chiusure. Nel 2021, invece, l’introduzione dell’obbligo di Super Green pass ha creato molta confusione per diversi esercizi, con i gestori che non hanno mancato di sottolinearlo. I risultati, però, si vedono ora nero su bianco.

Un Green pass esposto al tavolino di un bar
Foto | Newsby

Ebbene, a fine 2019 i bar sul territorio erano 169.839 in Italia. Al termine del 2021 ne erano però rimasti solamente 162.964. Questo significa che in due anni i locali che hanno dovuto chiudere sono stati ben 6.875 in appena due anni. Analizzando il dato in percentuale, si può anche dire che gli esercizi commerciali sono scesi del 4,05% in concomitanza con l’emergenza Covid. Un numero che, è quasi superfluo sottolinearlo, è colossale.

Alcune aree del Paese, peraltro, hanno sofferto la crisi più di altre. Il Lazio, infatti, ha perso in due anni 1.860 bar, equivalenti al 10,09% del totale rispetto a quello del 2019. Molto complessa anche la situazione della Lombardia, che ha vissuto la chiusura di oltre 1.500 locali nei due anni del Covid (il 5,49% del totale). La flessione ha superato il 9% in Valle d’Aosta, il 6% nelle Marche e in Friuli-Venezia Giulia, il 5% in Veneto, Trentino-Alto Adige, Toscana e, come detto, Lombardia. In controtendenza solo Sicilia (+2%) e Campania (+1%).

Tavolini di un bar a Torino
Foto | Newsby

La situazione generale è senz’altro migliorata nelle ultime settimane, con il superamento dello stato di emergenza e il varo dell’ultimo decreto Covid. Questa Pasqua darà modo ai bar di accogliere la clientela senza Super Green pass anche al chiuso e al bancone. Ma non permetterà di rialzare le serrande a tutti coloro che in due anni hanno dovuto chiudere.


Tag: barCovidInfoCamereUnioncamere