Vaccino, al via somministrazione agli ultra 80enni in Piemonte

I parenti: "Ora stiamo più tranquilli, possiamo rivedere i nostri cari più serenamente"

newsby Sara Iacomussi21 Febbraio 2021



Tutti gli anni mi vaccino per l’influenza, spero che la situazione possa cambiare, ci conto“. C’è entusiasmo a Torino per il primo giorno di vaccinazione per gli ultra 80enni. “Non vedevamo l’ora, ora siamo più tranquilli per lei, possiamo vederla più serenamente” dicono i parenti presenti. “Oggi è la giornata iniziale, il cosiddetto V Day, per la popolazione ultra ottantenne e per la popolazione afferente alla scuola– spiega Riccardo De Luca, direttore distretto sud ovest dell’Asl di Torino, nella postazione di via Gorizia 114 – In questa sede sono previste quindici postazioni per 12 ore al giorno e per un accesso di popolazione di mille soggetti al giorno“.

La somministrazione del vaccino

Questa è una delle due sedi individuate dall’azienda per far fronte a questa vaccinazione che, come da indicazioni nazionali, deve iniziare per portare poi all’immunizzazione della popolazione“, prosegue De Luca. “Siamo organizzati con un percorso dedicato, agevole e sicuro. Prevede l’accesso di molte persone durante la giornata e il funzionamento in contemporanea di 15 box vaccinali con sei sale di accettazione. Teniamo presente che la popolazione che accede deve entrare, registrarsi, sottoporsi al vaccino e poi stazionare per quindici minuti. Si tratta di un impegno organizzativo e logistico non indifferente“, conclude il direttore del distretto sud ovest dell’Asl di Torino.


Tag: CoronavirusCovid-19Vaccino