Trieste, No Green Pass a Patuanelli: “Andiamo avanti”, ma c’è indagine

"Le proteste sia a Trieste che altrove proseguiranno finché Governo non accoglierà nostre richieste", spiega il Coordinamento. Intanto la procura si muove

newsby Marco Enzo Venturini23 Ottobre 2021


I manifestanti di Trieste contro il Green pass hanno incontrato il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli spiegando che le proteste continueranno. Contestualmente, però, la Procura del capoluogo giuliano ha deciso di avviare un’indagine nei loro confronti.

L’indagine della Procura contro i No Green pass

A parlarne è stato il procuratore capo di Trieste, Antonio De Nicolo. “Non dico nulla, solo che si tratta di un fascicolo praticamente vergine. In questi giorni preferisco che la Polizia giudiziaria cerchi di lavorare più per la sicurezza della città che per noi“, le sue dichiarazioni raccolte dal ‘Corriere della Sera’.

Tale indagine è partita dopo la denuncia da parte della Polizia di Trieste a carico di cinque manifestanti. Costoro lo scorso 18 ottobre per qualche ora avevano messo in atto una guerriglia urbana il cui scopo era negare l’accesso al porto a chi non aderisse alla protesta. Tra i possibili reati spiccano interruzione di pubblico servizio, invito a disobbedire alle leggi dello Stato, violazione dell’art. 18 del Testo unico di pubblica sicurezza sugli obblighi per i promotori di riunioni in luogo pubblico e resistenza a pubblico ufficiale.

Trieste: manifestanti incontrano Patuanelli

Intanto, però, il Coordinamento 15 ottobre ha fatto sapere che la protesta proseguirà. “Le manifestazioni di piazza sia a Trieste che in tutta Italia proseguiranno, pacificamente, fino a quando il Governo non accoglierà le richieste avanzate. Il ministro si è impegnato ad aprire un canale diretto con il Coordinamento“, si legge in una nota.

Un incontro cordiale, in cui Puzzer, in qualità di portavoce del Coordinamento 15 ottobre, ha avanzato tre richieste specifiche. Come rappresentante del Governo ho preso l’impegno di riferire dell’incontro in Consiglio dei Ministri“, ha nel frattempo spiegato all’Ansa il ministro Patuanelli, nato peraltro a Trieste. “Abbiamo tutti convenuto sull’importanza di mantenere ogni tipo di manifestazione distante da ogni tipo di violenza“, ha aggiunto.


Tag: Green passprotesteStefano PatuanelliTrieste