Torino, il grido di protesta delle oss: “Ci propongono contratti pirata”

Le lavoratrici Kos Care: "Non riusciamo a garantire agli ospiti completa assistenza, siamo le uniche oss senza un contratto decoroso". I sindacati: "Il gruppo dice di non avere liquidità, ma poi acquista strutture in Germania"

newsby Sara Iacomussi20 Luglio 2021



“La nostra condizione è critica, non ci rinnovano se non con un contratto non a posto: stiamo lavorando tanto, male e insoddisfatte. Non riusciamo a garantire agli ospiti la completa assistenza, è un disagio come oss ma anche come persone”. È questo il grido di protesta lanciato dalle oss del gruppo Kos Care che questa mattina hanno protestato in piazza Castello a Torino.

“Ci propongono contratti pirata”

Le lavoratrici, spiegano, chiedono “solo il rinnovo” del contratto e di “essere messe a posto”, poiché “siamo le uniche oss a non avere un contratto decoroso. Al loro fianco, in piazza Castello, anche dei rappresentanti delle sigle sindacali di settore.

“Abbiamo chiesto un dignitoso adeguamento salariale, hanno rotto il tavolo e fatto un contratto pirata con una sigla autonoma – commentano i sindacati -. Stiamo parlando di una realtà che occupa 20mila addetti, a Torino circa mille. Il gruppo Kos dice di non avere liquidità, ma poi acquista strutture in Germania.

Oss in protesta anche ad Ancona

La protesta degli operatori socio-sanitari di Kos Care ha interessato anche altre parti d’Italia. Alle 11 di questa mattina, davanti a Villa Adria, ad Ancona, i lavoratori hanno infatti proclamato lo stato di agitazione e sono scesi per la prima volta in piazza per un presidio.

La protesta riguarda tutto il personale della rete riabilitativa marchigiana del Santo Stefano, oggi Kos Care Srl. Come a Torino, gli oss reclamano parità di trattamento salariale e normativo rispetto alle case di cura private e alla sanità pubblica.


Tag: Kos CareOssTorino