Ruby ter, Karima El Mahroug in aula per l’arringa dei suoi difensori

Karima El Mahroug: "È la prima volta che mi sento difesa, non lo ero mai stata neanche quando ero ritenuta una vittima"

newsby Alessandro Boldrini5 Ottobre 2022



Nuova udienza sul caso Ruby ter.
Karima El Mahroug, imputata insieme ad altre 27 persone tra cui Silvio Berlusconi nel processo, è presente oggi, 5 ottobre, nell’aula in via Ucelli di Nemi, a Milano, per ascoltare l’arringa dei suoi difensori, gli avvocati Paola Broccardi e Jacopo Pensa. Per lei l’accusa ha chiesto una condanna a 5 anni di reclusione.

El Mahroug: “Un grande incubo, rivoglio indietro la mia vita”


Per me è stata una giornata veramente emozionante. È la prima volta che mi sento difesa, non lo ero mai stata neanche quando ero ritenuta una vittima“, ha dichiarato a margine dell’udienza l’imputata Karima El Marough. “L’augurio che mi faccio è che questa vicenda si chiuda il prima possibile“, perché “è stato un grande incubo. Mi auguro di riavere indietro la mia vita e di poterla vivere serenamente“, ha aggiunto.

La difesa: “Giovane donna messa in un tritacarne”


Anche i legali di El Mahroug hanno confermato lo stato di malessere in cui versa l’imputata.
Karima ha vissuto male, veramente, tutto quello che è connesso a questo procedimento. Ogni volta che se ne parla sta male perché è stata una giovane donna messa in un tritacarne“, ha dichiarato l’avvocata Paola Broccardi, legale di Karima El Mahroug, a margine dell’udienza. “Credo che i nuovi elementi di questo processo siano davvero suggestivi, ma che non assurgono al rango di prova. Dodici anni di processo, di energie spese, di studi, di attenzione da parte di tutti, di costi anche per la giustizia: direi che è il momento che venga posta la parola “fine” a questo procedimento. Io mi auguro che la fine avvenga in un modo giusto, con un’assoluzione“, ha concluso l’avvocata.

“Donna diversa con marchio indelebile di prostituta”


Nel corso della sua arringa, Boccardi ha dichiarato che El Mahroug “è una donna profondamente diversa da quella descritta nel procedimento, da quella ragazzina che entrava e scappava da 16 comunità per minori“. La giovane, che il mese prossimo compirà 30 anni, si porta dietro, però, “un marchio inciso sulla pelle, indelebile: è stata marchiata come prostituta minorile da alcune sentenze, peggio di una Lettera Scarlatta“, ha aggiunto.

Pensa ha augurato buona fortuna a El Mahroug


Non amo quelli che dicono ‘Ho fiducia nella giustizia’. Io dico sempre ai miei clienti di non dire questa frase banale. Quello che ti auguro, cara Karima, è la fortuna, la buona fortuna di incontrare dei giudici che siano terzi, equidistanti, giusti, perché noi dobbiamo contribuire alla giusta sentenza“. Lo ha detto l’avvocato Jacopo Pensa, legale di Karima El Mahroug, in chiusura della sua arringa difensiva nel processo Ruby ter. “Good luck, buona fortuna Karima“, ha concluso Pensa, associandosi alla richiesta della sua collega, l’avvocata Paola Boccardi, di assolvere Karima con la formula “perché il fatto non sussiste“.


Tag: Karima El MahrougRuby terSilvio Berlusconi