Quasi mille profughi afghani accolti in Lazio: al via campagna vaccinale

È iniziata oggi la campagna vaccinale per i 53 profughi afghani ospitati presso una struttura delle Carmelitane a Roma

newsby Davide Di Carlo30 Agosto 2021


Mentre il dramma afghano prosegue tra minacce e attentati terroristici, quasi mille profughi afghani sono atterrati in Lazio. Di questi, più di cinquanta sono stati accolti presso una struttura delle Carmelitane, l’ostello di Villa Monte Mario, che sorge all’interno di una riserva naturale. “Voglio ringraziare le Carmelitane che li ospitano nella loro struttura“, ha sottolineato Alessio D’Amato, Assessore alla Sanità per la Regione Lazio. Appena giunti a destinazioni, diversi profughi hanno ricevuto la prima dose di vaccino anti-Covid.


Abbiamo iniziato oggi la campagna di vaccinazione per queste persone e c’è una buona adesione“, ha commentato D’Amato. Rimangono da valutare alcune situazioni particolari, a partire dalla donna incinta al nono mese. “Io voglio ringraziare i nostri operatori per lo sforzo e contiamo che questa settimana tutti verranno vaccinati“, ha concluso l’Assessore, intervistato presso il centro di accoglienza di Villa Monte Mario.


Afghanistan: ospitate 950 persone nel Lazio

A dare il benvenuto agli afghani in fuga dal loro Paese anche il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. “Ringrazio gli operatori affinché l’accoglienza avvenga con amore e sicurezza“, ha esordito il presidente. “Tutti i cittadini ospitati stanno affrontando un check up sanitario. Nessuno è risultato positivo al tampone e nessuno ha rifiutato il vaccino“, ha fatto sapere Zingaretti.


Il Lazio, che ospiterà 953 cittadini afghani, di cui il 60% sono bambini e bambine, si dice pronto a garantire il massimo dell’assistenza. “Ma ci sono milioni di afghani ancora bloccati nel Paese. Stiamo pensando a un progetto di solidarietà nel Paese“, così il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, presso il centro di accoglienza di Villa Monte Mario. E annuncia:Stanzieremo 350mila euro per le prime emergenze sanitarie“.

Green Pass, Zingaretti: “Nessun dialogo con i No Vax”

Interpellato in merito all’ennesima aggressione subita da un giornalista questa mattina, aggredito da uno dei manifestanti contro il Green Pass, Nicola Zingaretti ha escluso un possibile dialogo con i No Vax. “Con queste minoranze estremiste non bisogna avere alcun dialogo, soprattutto se negano la libertà agli altri. Vanno prese in considerazione dal punto di vista giudiziario“, ha dichiarato il presidente della Regione Lazio.


Anche sul green Pass siamo al ridicolo“, ha aggiunto Zingaretti, sottolineandone l’importanza nelle scuole. “Perché se io voglio essere libero di mandare i miei figli in una scuola, così come andare a cena o a teatro, al cinema, pretendo che tutto questo avvenga in piena sicurezza“, ha concluso il presidente della Regione Lazio.


Tag: AfghanistanAlessio D'AmatoLazioNicola Zingarettino vaxProfughi afghani