Peppa Pig vittima del furto legalizzato della proprietà intellettuale in Russia

Una nuova legge sembrerebbe privare le società occidentali dei loro diritti su brevetti e altre registrazioni

Il cartone animato Peppa Pig
Foto | Youtube
newsby Lorenzo Grossi4 Giugno 2022


Siccome la sua economia è stata bombardata dalle sanzioni occidentali all’inizio di marzo, la Russia ha deciso di modificare una parte del suo codice civile. E farne le spese è stata Peppa Pig. Come è possibile?

Il decreto numero 299 autorizza infatti l’uso di invenzioni brevettate, anche in medicina e tecnologia digitale, provenienti da “paesi non amici”. Senza chiedere il permesso al proprietario né pagare alcun compenso. La mossa della Russia non è illegale secondo il diritto internazionale. I Paesi possono derogare alle regole sui brevetti in caso di emergenza nazionale. Scartoffie ingombranti e noiose negoziazioni sui prezzi possono causare ritardi. Ma è previsto un compenso, per quanto piccolo. Tuttavia, con la nuova legge russa, i titolari di brevetti potrebbero rimanere senza nulla.

Sebbene la legge si applichi solo ai brevetti, che proteggono le invenzioni, dà indirettamente carta bianca ad altri tipi di violazione della proprietà intellettuale (PI). Questo perché i tribunali offriranno poca protezione contro gli opportunisti, afferma Maria Ostroshenko, un avvocato specializzato in proprietà intellettuale presso ALRUD, uno studio legale di Mosca. Ostroshenko osserva che alcuni giudici russi adesso si chiedono perché la proprietà intellettuale di società internazionali, inclusi marchi e diritti d’autore, meriti protezione. Questo elemento non era mai stato messo in discussione prima.

Come è stata coinvolta Peppa Pig in tutta questa vicenda

Le aziende occidentali stanno già avvertendo il cambiamento. All’inizio di marzo, Entertainment One UK, la filiale britannica di una società canadese, ha perso la causa contro un rivale russo utilizzando proprio una falsa Peppa Pig, uno dei suoi personaggi dei cartoni animati con marchio di fabbrica. Il caso è stato archiviato a favore di Vladimir Biriulin di Gorodissky and Partners, la più grande società di proprietà intellettuale della Russia, perché la Gran Bretagna cade nel campo “ostile”. Quando Entertainment One ha chiesto un risarcimento, un tribunale arbitrale in Russia ha stabilito che la concessione di tale richiesta era “un abuso di diritto” alla luce delle sanzioni britanniche. A maggio, il ricorso della società è stato respinto.

Di fronte all’isolamento dall’Occidente e ai tribunali amichevoli in patria, i russi si sentono incoraggiati a sequestrare la proprietà intellettuale straniera. Solo nelle ultime due settimane di marzo sono state depositate più di 50 domande di registrazione di marchi occidentali come Coca-Cola e Christian Dior. I prossimi software e dispositivi proprietari che i produttori stranieri hanno smesso di vendere in Russia saranno probabilmente i prossimi. Il 6 maggio, la Russia ha pubblicato un elenco di 25 pagine di prodotti che possono essere importati senza il permesso del proprietario. Include telefoni Apple, console di gioco Nintendo e parti per auto Tesla, oltre ad armi e munizioni.


Tag: Peppa Pig