Le nuove barche di migranti che cercano l’Italia come ultima speranza

Per sfuggire ai controlli, sempre più contrabbandieri di migranti sfruttano barche a vela dall'aspetto innocuo, aprendo nuove rotte verso la Calabria per non farsi intercettare

barca, migranti
Foto Unsplash | Boba Jovanovic
newsby Giulia Martensini22 Novembre 2021


Crisi, fame e guerra spingono migliaia di rifugiati provenienti dal Medio Oriente a cercare la salvezza in Italia. Ma se, in passato, arrivavano a bordo di squallidi gommoni, adesso i contrabbandieri sfruttano barche a vela dall’aspetto costoso, per evitare di essere scoperti.

Intere famiglie stanno pagando il prezzo più alto per il passaggio dalla Turchia. La tratta avviene a bordo di barche a vela nuove o quasi nuove che possono più facilmente evitare di essere scoperte. Gli investigatori affermano che sono capitanati da contrabbandieri, spesso ucraini, che potrebbero essere in combutta con mafiosi turchi e clan della ‘ndrangheta.

Nuove rotte per sfuggire ai controlli

Mentre gli operatori umanitari chiamano questi attraversamenti di “1a classe”, non c’è niente di elitario in loro. I migranti vengono ammassati a centinaia sottocoperta per giorni interi, con scarsissime scorte di cibo e acqua.

È stata la peggiore esperienza della mia vita“, ha raccontato Hamid, un migrante afgano scappato dal suo Paese con la moglie incinta.

Per anni, la maggior parte dell’attenzione politica, umanitaria e mediatica si è concentrata sulle centinaia di migliaia di migranti, la maggior parte dei quali africani, che attraversano il Mediterraneo centrale a bordo di navi inagibili lanciate da trafficanti provenienti da Libia e Tunisia.
Ma ora, i contrabbandieri stanno varando nuove rotte, meno conosciute, per evitare i controlli delle autorità.

La rotta calabrese, che porta i migranti dalla Turchia verso la “punta” dell’Italia, piuttosto che la Sicilia e le sue isole più a sud, ha visto un aumento degli arrivi di quasi quattro volte nel 2021 e ora copre il 16% del mare arrivi in ​​Italia quest’anno.

In aumento gli sbarchi dei migranti

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati sta monitorando da vicino la situazione, anche se l’aumento degli arrivi calabresi è rispecchiato da un altrettanto forte aumento dei migranti in arrivo nei porti siciliani.

Complessivamente, gli arrivi via mare in Italia quest’anno sono saliti a 59.000 rispetto ai 32.000 dello stesso periodo dell’anno scorso. La rotta calabrese ha registrato 9.687 arrivi al 14 novembre, rispetto ai 2.507 dello scorso anno.

Stiamo vedendo gli afgani, iracheni, iraniani, curdi”, ha detto Chiara Cardoletti, rappresentante dell’UNHCR in Italia. Mentre in passato la maggior parte dei migranti erano uomini single, “in questo momento su tutte le rotte quello che vedete è un aumento del numero di famiglie che arrivano con tanti bambini. E questo vale anche per il percorso in Calabria”.

La rotta calabrese è solo uno dei tanti modi in cui aspiranti profughi dal Medio Oriente, dal Sud-est asiatico e dall’Africa cercano di raggiungere l’Europa.

L’odissea dei viaggi per mare dei migranti

Hamid e la moglie Zakia hanno vissuto un’odissea travagliata che è costata loro una piccola fortuna. Dopo essere fuggiti da Kabul ed essere arrivati in Turchia, hanno pagato 8.500 euro per ogni adulto e 4.000 euro per ogni bambino per arrivare in Calabria.

Hamid ha detto che i contrabbandieri hanno fornito acqua a sufficienza solo per i primi quattro o cinque giorni. Una volta terminata, i passeggeri hanno bevuto acqua di mare con zucchero per gli ultimi due giorni.

Quando la barca a vela si è avvicinata alla riva, i passeggeri sono saliti sul ponte solo per vedere i due contrabbandieri che avevano comandato la nave, entrambi con passamontagna, fuggire dalla scena in una barca nera.

I trafficanti, che ovviamente non hanno il concetto di scrupoli umani, ora stanno ammassando anche 100 persone in ogni barca a vela”, ha detto Vittorio Zito, sindaco di Roccella Jonica. Il piccolo paese della costa calabrese  è diventato una destinazione privilegiata per i contrabbandieri.

I possibili legami con la ‘ndrangheta

Le barche a vela sono difficili da intercettare poiché anche ai pattugliamenti aerei sembrano normali imbarcazioni da diporto. Alcune, sventolano bandiere americane, per non destare sospetti.

Ci sono state così tante di queste barche a vela deserte di recente che le loro carcasse costeggiano la costa calabrese. Altre sono ammassate in un cimitero di barche vicino al porto di Roccella Jonica.

Il percorso è utilizzato anche da contrabbandieri che portano barche da pesca dalla Libia. Il 14 novembre sono arrivati ​​a Roccella Jonica 550 migranti, il numero più alto mai registrato in un giorno.

La polizia italiana ha arrestato diversi trafficanti ucraini condannati per favoreggiamento all’immigrazione clandestina, ma sono solo piccoli ingranaggi al volante di un’operazione criminale più ampia.

Dobbiamo andare oltre le singole barche e gli arresti dei trafficanti per capire il motivo dell’aumento esponenziale” ha detto Giovanni Bombardieri, procuratore capo di Reggio Calabria, che sta conducendo le indagini sulla migrazione.

E’ chiaro che il nostro lavoro richiede una valutazione del possibile coinvolgimento dei clan della ‘ndrangheta“, ha aggiunto Bombardieri.

 


Tag: 'NdranghetaCalabriamigranti