Napoli, proteste degli allevatori di bufale: trattori in marcia verso la Regione

Il corteo, partito da Giugliano, ha percorso Napoli dallo stadio Maradona fino a percorrere via Caracciolo e giungere alla sede della Regione, con i trattori, una bara e una banda che suonava musiche funebri

newsby Redazione21 Luglio 2022



Circa un centinaio di allevatori si è radunato a Napoli per protestare contro il piano istituzionale di lotta alla brucellosi e alla tubercolosi delle bufale. Un piano che gli allevatori contestano perché le loro proposte di vaccinazione e prevenzione, al posto dell’abbattimento delle bufale, non vengono accolte.

Il corteo, partito da Giugliano, ha percorso Napoli dallo stadio Maradona fino a percorrere via Caracciolo e giungere alla sede della Regione, con i trattori, una bara e una banda che suonava musiche funebri “De Luca, vogliamo risolvere davvero brucella e tbc. È l’ora del dialogo“, recitava lo striscione del corteo. Gli allevatori chiedono un incontro con De Luca, che finora non c’è stato.

La protesta si è conclusa con una scena che richiama l’esecuzione di migliaia di bufale a causa dell’epidemia di brucellosi e tbc, bufale quasi tutte poi rivelatesi non ammalate dopo l’esecuzione: infatti il latte, davanti all’ingresso della Regione protetto da decine di agenti di polizia e carabinieri, è stato versato su una bara a simboleggiare la lenta ma determinante morte del settore.


Tag: Napoli