Milano, abbandonato drive through per tamponi: “Fallimento sanità lombarda” – VIDEO

Milano presenta in zona Barona un'ampia area transennata da ottobre: la Protezione Civile ha requisito area sosta di largo Tazio Nuvolari, ma è tutto fermo

newsby Antonio Lopopolo14 Aprile 2021



L’area parcheggio di largo Tazio Nuvolari, nel quartiere Barona a Milano, dal 30 ottobre 2020 è stata chiusa dalla Protezione Civile per allestire al suo interno un drive through per i tamponi Covid-19 che doveva essere gestito dall’esercito. Ad oggi, però, la zona è completamente abbandonata.

Cosa è successo al parcheggio della Barona

Il 30 ottobre i cittadini hanno scoperto che l’area destinata a parcheggio Atm è stata chiusa e sono state posate tende e attrezzature che alla vista sembrano preannunciare un presidio per tamponi o per vaccini. Da allora non è successo assolutamente nulla. Il municipio ha chiesto informazioni ad Ats, ma nessuno ci ha mai risposto“. Lo spiega Gabriele Mariani, candidato sindaco per il Comune con la coalizione Milano in comune e lista civica Ambientalista.

C’è incredulità sul fatto che uno spazio pubblico, destinato a parcheggio a pagamento, di colpo sia reso inutilizzabile per una funzione che non arriva sul territorio“, sottolinea Mariani. “I cittadini si chiedono il perché. Soprattutto vedendo un’area che dovrebbe essere un presidio sanitario per la pandemia, e che non è attiva. Il tutto in una situazione di emergenza. Questo per Milano è un segnale molto negativo“.

La reazione dei cittadini di Milano

Queste strutture hanno avuto un costo per essere installate e in un periodo di pandemia non possono restare ferme. Sta poi all’Ats definire quale. Fosse anche solo un presidio in cui effettuare i tamponi. Tanto più che al momento c’è solo il San Paolo. E per una parte di quel territorio di Milano è scomodo recarsi a un ospedale tanto lontano“, insiste Mariani.

E secondo il candidato sindaco, questa situazione sta lasciando interdetta la popolazione di Milano. Ma rappresenta una problematica che riguarda l’intera Regione: “I cittadini sono increduli, qui il disagio è sotto gli occhi di tutti. È l’ennesima dimostrazione del fallimento organizzativo della sanità lombarda“.


Tag: Milano