L’asilo ‘Covid Free’ vicino a Milano grazie alle radiazioni UltraViolette

Installate speciali lampade che sanificano l'aria ed eliminano virus e batteri

newsby Luca Perillo14 Ottobre 2020



Alle porte di Milano, l’asilo Pomini di Castellanza ha installato nelle aule più frequentate da bambini ed educatrici delle speciali lampade a radiazioni UltraViolette che uccidono il 99% di virus (e quindi anche del Covid) e batteri. “Questa soluzione ha il vantaggio che viene fatta durante la notte, quando i bambini non ci sono, le lampade strerilizzano tutte le superfici e gli oggetti”, racconta Luigi Roveda, presidente del CDA dell’asilo ‘Covid Free’. “Mentre di giorno, uno speciale sistema di sanificazione, sempre a raggi UV-C integrato e non visibile, sanifica l’aria e la rimette in circolo purificata. Una tecnologia sicura e certificata anche dall’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano che ci lascia tranquilli sia sull’efficacia della sanificazione che sulla sicurezza per i bambini”.

La sanificazione dell’asilo ‘anti Covid’

“Noi abbiamo una sanificazione iniziale qualche mese fa, che è durata all’ozono, e ci è costata 900 euro. E andava ripetuta ogni 15 giorni. Noi con questa spendiamo molto bene. Per ora, fortunatamente, non abbiamo situazioni patologiche. Però da questo punto di vista è anche una questione un po’ di fortuna. Le lampade sanificano gli oggetti. Poi, certo, i bambini tornano a casa, vanno al parco giochi, si incontrano con i loro amici. E questa è la situazione in cui noi viviamo”, conclude il presidente Roveda.

La scuola Pomini ha scelto quindi una soluzione all’avanguardia per neutralizzare il Covid. La struttura è frequentata da 160 bambini dai 3 ai 6 anni suddivisi in 6 sezioni, una sezione è composta dai piccoli dai 24 ai 36 mesi. Il sindaco di Castellanza, Mirella Cerini, si è congratulata con lo staff dell’asilo per l’innovativa soluzione applicata e per le modalità secondo le quali sta affrontando l’emergenza Covid. Assicurando la sicurezza ai piccoli ospiti. Il primo cittadini ha inoltre espresso anche l’apprezzamento per la scelta di collocare un termo scanner all’ingresso per la registrazione automatica degli accessi e della temperatura degli utenti.


Tag: CastellanzaCovidgood