Green pass, quando serve? Obblighi e regole dal 1° settembre in poi

Green pass obbligatorio in un lungo elenco di circostanze che possono verificarsi nel corso di una normale giornata: ecco nel dettaglio quali sono

Green pass
newsby Marco Enzo Venturini31 Agosto 2021


Da domani, 1° settembre, scattano i nuovi obblighi e le regole inerenti al Green pass. Il certificato sarà obbligatorio per poter usufruire di treni, traghetti, aerei, ma anche per il personale scolastico e per accedere all’università. Le regole diventeranno operative dopo una prima fase di utilizzo iniziata il 6 agosto scorso. Ecco dunque un elenco esaustivo di tutto ciò che bisogna sapere.

Proroghe e scadenze: quanto dura il Green pass?

La novità più importante riguarda la scadenza del Green pass, portata da nove mesi a un anno. Questo dopo la proroga decisa dal Comitato tecnico scientifico. Ribadita, invece, l’assenza di obbligo per i minori di 12 anni. Una categoria di cittadini per i quali non è in vigore nemmeno l’obbligo vaccinale.

Fino al 30 settembre, invece, restano valide le certificazioni cartacee di esenzione disponibili presso i medici di famiglia o i medici dei Servizi vaccinali delle Aziende ed Enti dei Servizi sanitari regionali. Per un altro mese, infatti, continueranno ad avere lo stesso valore del Green pass.

Tutti i mezzi di trasporto in cui è obbligatorio

Per quanto riguarda i trasporti, il Green pass sarà necessario tutti i treni di tipo Intercity, Internotte e Alta Velocità e per tutti gli aerei adibiti a servizi commerciali di trasporto di persone. Andrà presentato anche su navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale, fatta eccezione per quelli impiegati per i collegamenti marittimi nello Stretto di Messina. Infine sarà obbligatorio anche su autobus adibiti a servizi di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata, effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due Regioni ed aventi itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti. Ma anche su autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente, ad esclusione di quelli impiegati nei servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale.

Lo spiega il Governo, che aggiunge: “L’utilizzo degli altri mezzi di trasporto può avvenire anche senza Green pass, fatta salva l’osservanza delle misure anti contagio“. Ovviamente tali obblighi riguardano indistintamente zone bianche, gialle, arancioni e rosse.

Green pass: le regole già in vigore e che restano valide

Continuano infine ad essere valide le regole già introdotte lo scorso 6 agosto in Italia. Il Green pass è pertanto obbligatorio per accedere ai servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo al tavolo, al chiuso, o prendere parte a sagre e fiere. L’obbligo riguarda anche la partecipazione a spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi. Serve poi per entrare in musei, mostre e altri istituti e luoghi della cultura. Va esibito infine quando si accede all’interno di palestre, centri benessere e piscine.


Tag: CoronavirusGovernoGreen pass