Covid, indice Rt e incidenza ancora in calo e sotto la soglia epidemica

È quanto emerge dal nuovo report compilato dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e dal ministero della Salute

Covid, l’indice Rt scende di poco (1,18). Sale l’incidenza
Covid, indice Rt
newsby Alessandro Bolzani11 Febbraio 2022


Prosegue la discesa dell’indice Rt e dell’incidenza settimanale a livello nazionale. È quanto emerge dal nuovo report compilato dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e dal ministero della Salute. I dati indicano che nel corso della settimana compresa tra il 4 e il 10 febbraio l’incidenza del Covid è stata di 962 ogni 100mila abitanti. Inoltre, tra il 19 gennaio e il primo febbraio, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,89, in diminuzione rispetto alla settimana precedente e al di sotto della soglia epidemica”.

In discesa anche il tasso di occupazione in terapia intensiva, arrivato al 13,14% (la settimana scorsa era al 14,8%). Per quanto riguarda le aree mediche a livello nazionale, il dato è del 26,5% (in diminuzione rispetto al 29,5% della precedente rilevazione).

Covid, quattro Regioni e Province autonome a rischio alto

Nonostante questi importanti passi avanti, in Italia ci sono ancora quattro Regioni e Province autonome classificate a rischio alto per il Covid. Ciò è dovuto all’impossibilità di valutazione per incompletezza dei dati inviati. Inoltre, c’è anche una Regione classificata a rischio moderato. 11 Regioni/Provincie autonome riportano almeno una singola allerta di resilienza. Una Regione/PA riporta molteplici allerte di resilienza.

Scendono i casi non associati a catene di trasmissione

Il rapporto di Iss e ministero della Salute evidenza anche un calo dei nuovi casi di Covid non associati a catene di trasmissione (410.941 vs 553.860 della settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività dei contatti, invece, è in leggero aumento (18% vs 17%). Per quanto riguarda i casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi, il dato è passato dal 38 al 33%. In aumento la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (48% vs 45%).

Di fronte al miglioramento generale della situazione, la settimana scorsa Roberto Speranza, il ministro della Salute, aveva parlato dell’ingresso “in una fase che appare essere diversa da quella dei mesi precedenti”.


Tag: Covidindice Rt