25 aprile, la guerra in Ucraina divide le piazze | Polemiche sull’Anpi

A causa delle polemiche con l'Anpi, altre associazioni partigiane hanno organizzato un corteo alternativo a Roma per il 25 aprile

25 aprile Anpi
Foto | Newsby
newsby Alessandro Bolzani25 Aprile 2022


Dopo due anni di festeggiamenti limitati dall’emergenza Covid, gli italiani sono tornati nelle piazze per celebrare il 25 aprile. Il 77esimo anniversario della Liberazione si è inevitabilmente intrecciato con la guerra in Ucraina, che ha creato delle divisioni tra l’Anpi e altre associazioni partigiane. In particolare, Gianfranco Pagliarulo è stato tacciato di posizioni filo-russe per via delle critiche che ha sollevato sull’invio di armi a Kiev. A Milano, dov’è in corso la tradizionale manifestazione nazionale dell’Anpi, il presidente dell’associazione ha tuttavia ribadito la “condanna senza se e senza ma dell’invasione da parte dell’esercito di Putin e il riconoscimento della legittima resistenza ucraina”.

A Roma, le associazioni partigiane che non aderiscono all’Anpi hanno organizzato un appuntamento alternativo. Quest’ultimo è caratterizzato dallo slogan “Celebrare la liberazione è schierarsi con la resistenza di Kiev”.

25 aprile, le celebrazioni a Milano

Il corteo del 25 aprile di Milano prenderà il via alle 14 e partirà da Porta Venezia per raggiungere piazza Duomo. All’evento prenderanno parte anche Giuseppe Sala, il sindaco del capoluogo lombardo, Maurizio Landini, il segretario della Cgil, e il Museo della Brigata Ebraica. Quest’ultimo aveva proposto di sfilare con le bandiere della Nato, dando il via a un’accesa polemica con l’Anpi. Nel corso della manifestazione saranno ascoltate le testimonianze di due donne ucraine: Tetyana Bandelyuk, residente da anni in Italia, e Iryna Yarmolenko, profuga e consigliere comunale di Bucha.

Nessuno sa dove porterà la vicenda dell’Ucraina, ma in questo vuoto che riempiremo giorno per giorno è già chiaro il tentativo di delegittimazione dell’Associazione: ‘siete putiniani, anzi Pagliarulo è putiniano, sciogliamo l’Anpi’. Noi non rispondiamo. Ma una cosa vorrei che fosse chiara: a nessuna condizione l’Anpi diventerà subalterna, non perderà la sua autonomia da partiti ed editori e tantomeno perderà la sua fisionomia. Resterà un’associazione larga, plurale, aperta a tutti gli antifascisti”, ha dichiarato Pagliarulo. Il presidente dell’Anpi si è anche detto d’accordo sul parallelismo tra la resistenza ucraina e quella italiana. “Non c’è dubbio. È evidente che ogni resistenza in caso di guerra diventa resistenza militare. Abbiamo riconosciuto il diritto dei popoli a difendersi dalle invasioni”. Hanno poi invitato a mettere da parte le polemiche: “Domani sarà una grandissima e pacifica manifestazione”.

I cortei di Roma

A Roma il corteo ufficiale dell’Anpi è iniziato alle 10, mentre una manifestazione alternativa per il 25 aprile, organizzata dalle associazioni di partigiani Fiap, Anpc, Fivl, Aned, Anfim (assime a Ucraini in Italia, +Europa e Azione), ha preso il via alle 9:30 in piazza di Torre Argentina. Il suo obiettivo è celebrare “la resistenza di allora e quella ucraina di oggi”.


Tag: 25 aprileAnpiLiberazione