C’è un’app che ti avvisa pochi secondi prima di un terremoto: il caso in California

Un sistema di allerta precoce, gestito dall'US Geological Survey, ha inviato avvisi alla popolazione pochi secondi prima che la terra iniziasse a tremare

C'è un'app che ti avvisa prima del terremoto
Foto Twitter
newsby Linda Pedraglio27 Maggio 2022


Pochi secondi prima che un terremoto di magnitudo 6,2 colpisse la costa settentrionale della California lo scorso 22 dicembre, circa mezzo milione di telefoni hanno iniziato a squillare. Un sistema di allerta precoce, gestito dall’US Geological Survey, ha inviato avvisi prima che la terra iniziasse a tremare, dando ai residenti il tempo vitale per mettersi al riparo. Il terremoto ha provocato scosse significative ma danni minimi nella contea di Humboldt, a circa 210 miglia a nord-ovest di San Francisco. I funzionari hanno detto che è stato un eccellente test del sistema di allerta.

Terremoto, il caso in California

È stato il più grande terremoto di magnitudo verificatosi da quando il sistema, noto come ShakeAlert, è stato ufficialmente lanciato sulla costa occidentale. Il terremoto è avvenuto poco dopo mezzogiorno ed è stato localizzato al largo della costa, vicino a una piccola città chiamata Petrolia che ospita meno di 1.000 persone. Il centro abitato più vicino, Eureka, si trova a circa 45 miglia a nord. “Abbiamo ricevuto alcune segnalazioni da persone che hanno ricevuto fino a 10 secondi di avvertimento prima che si sentissero tremare. È dannatamente buono“, ha detto Robert de Groot, un coordinatore di ShakeAlert con l’USGS.

ShakeAlert, l’app che ti salva dal terremoto

ShakeAlert emette gli avvisi tramite una serie di agenzie e app, tra cui MyShakeApp. I sensori USGS forniscono una serie di informazioni in grado di creare un pacchetto dati e inviare la segnalazione entro pochi secondi. Alcune app che forniscono avvisi sono disponibili per il download, ma hanno ricevuto la segnalazione anche alcuni cittadini che non avevano l’app sul telefono. Alle persone che ricevono il messaggio viene chiesto di abbassarsi, ripararsi e resistere. Avere secondi in più per farlo può salvare vite.

Il salvavita del futuro?

Questo evento ha offerto agli scienziati e agli operatori di sistema l’opportunità di testare e migliorare ShakeAlert in modo che sia ancora migliore quando colpirà il prossimo grande terremoto. “Possiamo eseguire quante più simulazioni e test possibili, ma impareremo davvero di più dai terremoti reali“, ha affermato de Groot. “Ci sta dando la possibilità di utilizzare il sistema e imparare a fare un lavoro migliore per allertare le persone“.

 

 


Tag: CaliforniaShakeAlertTerremoto