Perché l’informatore di Facebook ha paura del metaverso

L'annuncio della nascita del metaverso ha suscitato non poche preoccupazioni da parte dell'ex manager Frances Haugen che teme possibili ritorsioni sulla privacy degli utenti

Foto Pexels by Luca Sammarco
Newsby Giulia Martensini 9 Novembre 2021

L’informatore di Facebook Frances Haugen ha affermato che il mondo dovrebbe temere l’impatto del metaverso su cui il gigante dei social media ha cambiato nome. L’ex manager ha sottolineato che il futuristico mondo della realtà virtuale costringerebbe le persone a rinunciare a più informazioni personali, creando dipendenza e fornendo all’azienda un altro monopolio nel mondo online.

Nelle prossime settimane i legislatori europei dovranno stabilire nuove regole per le società dei social media. Una mossa per aumentare i controlli e le regolamentazioni dei social media, dopo le accuse rivolte a Instagram e Facebook. Il cambio di nome, non sarebbe una coincidenza, afferma Haugen.
Sottolineando che il suo ex datore di lavoro si è affrettato a dare la priorità al metaverso perché “se non ti piace la conversazione, prova a cambiare discorso“.

Le accuse di Frances Haugen contro Facebook

Haugen è un ex product manager di Facebook diventato informatore le cui rivelazioni sulle pratiche dell’azienda hanno attirato l’attenzione globale. I documenti che ha consegnato alle autorità, i cosiddetti Facebook Papers, e la sua testimonianza ai legislatori hanno rivelato problemi profondi all’interno dell’azienda. Stimolando gli sforzi legislativi e normativi in ​​tutto il mondo per reprimere le grandi aziende tecnologiche.

Haugen ha sostenuto che il gigante dei social media dà la priorità al profitto rispetto alla sicurezza online. L’ex manager sostiene che i sistemi di Facebook amplificano l’odio e l’estremismo online, non riescono a proteggere i giovani da contenuti dannosi e l’azienda non ha alcun incentivo per risolvere i problemi.

Nuove regole per i social network

I documenti di Haugen hanno messo in luce una crisi interna all’azienda che fornisce servizi gratuiti a 3 miliardi di persone. Zuckerberg ha respinto le affermazioni di Haugen come uno “sforzo coordinato” per dipingere un’immagine falsa dell’azienda.

I funzionari di Washington e delle capitali europee tuttavia stanno prendendo sul serio le sue affermazioni. I legislatori dell’Unione Europea l’hanno interrogata, prima di applaudirla alla fine dell’udienza di 2 ore e mezza.

L’UE sta ora elaborando nuove regole digitali per il blocco di 27 nazioni che richiedono di tenere a freno i grandi “guardiani digitali”. Richiedendo loro di essere più trasparenti sui loro algoritmi che determinano ciò che le persone vedono nei loro feed e rendendoli più responsabili per i contenuti sui loro piattaforme.

Il metaverso di Facebook

Il metaverso è una sorta di Internet portato in vita, o almeno reso in 3D. Il CEO Mark Zuckerberg lo ha descritto come un “ambiente virtuale” in cui è possibile entrare – invece di limitarsi a guardare su uno schermo. Riorientando il modello di business di Facebook su di esso, anche rinominando la società Meta. Le persone possono incontrarsi, lavorare e giocare, utilizzando visori per realtà virtuale, occhiali per realtà aumentata, app per smartphone o altri dispositivi.

Facebook dovrebbe avere un piano di trasparenza per il metaverso prima di iniziare a costruire tutta questa roba” ha sottolineato Haugen. “Hanno dimostrato, riguardo a Facebook, che possono nascondersi dietro un muro, continuano a fare errori non forzati, continuano a fare cose che danno priorità ai propri profitti sulla nostra sicurezza”, ha concluso.

Timori per la nuova realtà virtuale

Haugen chiede ai politici di garantire un controllo maggiore mentre Facebook si concentra sul metaverso. Un mondo che anche altri, tra cui Microsoft e le società di videogiochi, si stanno muovendo per costruire. Ha detto che ambienti così immersivi sono “estremamente avvincenti e incoraggiano le persone a staccare la spina dalla realtà in cui viviamo“. Citando l’iconica frase del romanzo di fantascienza “Snow Crash” “era una cosa che le persone usavano per intorpidirsi quando le loro vite erano orribili“.

Haugen ha inoltre espresso preoccupazione su come il metaverso richiederà l’aggiunta di sensori nelle case e nei luoghi di lavoro.

In caso di luoghi di lavoro, non possiamo scegliere di essere in quegli spazi. Ad esempio, se il tuo datore di lavoro decide che ora è una società del metaverso, devi fornire molti più dati personali a un’azienda che ha dimostrato di mentire ogni volta che è nel suo interesse“, ha detto.

Problemi di privacy durante la navigazione nel metaverso

Frances Haugen non è la sola a preoccuparsi dei problemi di privacy nel metaverso.
Timoni West, vicepresidente della realtà virtuale di Unity Technologies, ha discusso della necessità di protocolli forti su sicurezza e privacy poiché il metaverso promette una vita interamente virtuale.

Essere in grado di condividere alcune cose ma non condividerne altre è importante quando mostri l’arte in una casa virtuale ma non vuoi condividere i dettagli del tuo calendario” ha detto. “Esistono tutta una serie di livelli di autorizzazione per gli spazi digitali che Internet potrebbe evitare, ma è davvero necessario che tutto funzioni“.

Sebbene l’app di Facebook abbia recentemente rimosso le impostazioni di riconoscimento facciale, il metaverso si baserà sulla tecnologia che tiene traccia delle andature, dei movimenti del corpo e delle espressioni degli utenti per animare i loro avatar con emozioni del mondo reale.

Con Facebook e Microsoft che rilasciano app metaverse come strumenti di lavoro essenziali, c’è il potenziale per un monitoraggio e una sfiducia sul posto di lavoro ancora più invasivi.

 

Impostazioni privacy