Google licenzierà i dipendenti che non si vaccinano

I dipendenti di Google saranno costretti a fornire una prova della vaccinazione prima del ritorno in ufficio pena il licenziamento. Una mossa che va in controtendenza rispetto ad altri colossi tecnologici come Facebook, Twitter e Microsoft che invece hanno favorito lo smartworking

google licenzierà i dipendenti che non si vaccinano
Foto Unsplash by Pawel Czerwinski
newsby Giulia Martensini16 Dicembre 2021


Google ha avvertito i dipendenti che coloro che non rispettano le politiche sui vaccini aziendali alla fine perderanno il lavoro.

Una nota interna, ottenuta dalla CNBC, rivela che il personale avrà l’obbligo di caricare i documenti che certifichino l’avvenuta vaccinazione. Coloro che non lo avessero fatto sarebbero stati messi in congedo non retribuito e successivamente licenziati.

I dipendenti Google dovranno certificare l’avvenuta vaccinazione

Il memorandum indicava ai dipendenti che avevano tempo fino al 3 dicembre per inviare a Google la prova della vaccinazione. O per richiedere un’esenzione per motivi medici o religiosi.

Coloro che non lo faranno entro il 18 gennaio del prossimo anno sarebbero stati messi in “congedo amministrativo retribuito” per 30 giorni, afferma la nota. Seguiti da un congedo non retribuito per un massimo di sei mesi. Al termine di quel periodo perderebbero il lavoro.

“I nostri requisiti di vaccinazione sono uno dei modi più importanti per proteggere la nostra forza lavoro e mantenere attivi i nostri servizi ha affermato un portavoce di Google.

Ci impegniamo a fare tutto il possibile per aiutare i nostri dipendenti che possono essere vaccinati a farlo.E a sostenere fermamente la nostra politica di vaccinazione“. Nel corso degli ultimi mesi, Google ha più volte cambiato i propri piani sul ritorno in ufficio, indicando prima settembre 2021 e poi gennaio 2022.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da newsby.it (@newsby.it)

I piani di Google per combattere lo smart working

L’approccio al lavoro d’ufficio tra i giganti della tecnologia è complicato dalla regolamentazione statunitense e da uno scenario in rapida evoluzione.

L’amministrazione statunitense per la sicurezza e la salute sul lavoro ha detto a tutti i datori di lavoro con 100 o più dipendenti che devono assicurarsi che ciascuno dei propri lavoratori sia vaccinato o sottoposto a test per Covid-19 una volta alla settimana. Una mossa che Google ha indicato coprirebbe quasi tutti i ruoli a l’azienda.

Ciò sarebbe dovuto entrare in vigore il 4 gennaio, ma è stato rapidamente impugnato in tribunale ed è stato sospeso in attesa di una sentenza del tribunale.

Tuttavia, Google ha sottolineato a luglio che chiunque lavori in ufficio dovrebbe essere vaccinato, non solo testato. Ma ha anche affermato che si aspetta che la maggior parte dei dipendenti rimanga in ufficio per almeno tre giorni alla settimana, piuttosto che continuare a lavorare da casa. Ha poi aggiunto che taglierà gli stipendi per i dipendenti statunitensi che continuano a lavorare da remoto.

Cosa hanno deciso invece Apple, Facebook e Twitter

Altre aziende tecnologiche hanno adottato un approccio diverso.

A maggio, Twitter ha affermato che il personale potrebbe tranquillamente lavorare da casa “per sempre”, con alcune avvertenze sui ruoli adeguati.

Il mese successivo, Facebook ha seguito l’esempio, affermando che i dipendenti potevano richiedere di continuare a lavorare da casa dopo la revoca delle regole Covid. Anche Microsoft ha reso il lavoro remoto un’opzione permanente.

Apple, come Google, ha affermato che si aspetta che i dipendenti siano in ufficio almeno tre giorni alla settimana. Una mossa che ha provocato una forte resistenza da parte di alcuni dipendenti.

 


Tag: CovidGooglevaccinazione