Perché Facebook non segnala i negazionisti climatici

Secondo due studi solo l'8% dei post negazionisti sul cambiamento climatico è stato etichettato o rimosso dalla piattaforma: la maggior parte dei post incriminati sono stati ricondotti a 10 "editori tossici"

Facebook non segnala i negazionisti climatici
Foto Pexels by Oleg Magni
newsby Giulia Martensini4 Novembre 2021


La negazione del cambiamento climatico si sta diffondendo incontrollata su Facebook, hanno scoperto due studi di ricercatori sulla disinformazione. Il Center for Countering Digital Hate e l’Institute for Strategic Dialogue hanno affermato che meno del 10% dei post fuorvianti sono stati contrassegnati come disinformazione.

E i ricercatori del CCDH hanno collegato la maggior parte di questi a soli 10 editori.

Individuati 10 editori negazionisti

Il CCDH ha rilevato che di 7.000 post fuorvianti che descrivono il cambiamento climatico come “isteria”, “allarmismo”, “truffa” o altri termini correlati, solo l’8% è stato contrassegnato come disinformazione.

I ricercatori hanno rivisto manualmente ogni post per assicurarsi che soddisfacesse la loro definizione di negazione del clima. Per essere certi che non fosse un post che condannava tali convinzioni. Articoli molto condivisi hanno fatto false affermazioni secondo cui il cambiamento climatico non è stato confermato dalla scienza o ha affermato di smentirlo con i dati.
Di questi, il 69% potrebbe essere ricondotto a soli 10 editori “super-inquinatori” – soprannominati i “dieci tossici” – ha scoperto il gruppo della campagna.

Le teorie negazioniste su Facebook

Molti degli articoli condivisi hanno anche spinto la convinzione infondata che i “blocchi climatici” saranno applicati alle popolazioni. Eppure gli scienziati sottolineano che questo è altamente improbabile.  Dato che non ci sono prove che i blocchi di Covid abbiano portato a un miglioramento significativo per il clima.

Questi post rappresentano i tipi più estremi di negazione climatica totale, secondo il CCDH. Non possono dirci la vera portata della disinformazione climatica sul sito. Tuttavia indicano che il contenuto della cospirazione climatica si sta diffondendo senza essere etichettato o rimosso da Facebook.

Sebbene la maggior parte degli editori di negazionismo climatico identificati da CCDH fossero negli USA, tra i migliaia di spettatori c’erano persone provenienti da diversi Paesi nel mondo.

La replica di Facebook

Un portavoce di Facebook ha affermato che le 700.000 interazioni con i post analizzati dal CCDH costituivano una piccola frazione dei 200 milioni di interazioni totali con i contenuti del sito sui cambiamenti climatici.

Continuiamo a combattere la disinformazione sul clima riducendo la distribuzione di tutto ciò che è considerato falso o fuorviante da uno dei nostri partner per il controllo dei fatti“, ha affermato il portavoce.

 


Tag: cambiamenti climaticiFacebooknegazionisti