Facebook, Zuckerberg risponde alle accuse: “Profondamente illogiche”

Il CEO di Facebook ha sottolineato che quanto affermato da Frances Haugen è falso, ma è giusto stabilire delle regole standard per internet

facebook fa rebranding e diventa meta
Foto Wikimedia Commons | Antony Quintano
newsby Giulia Martensini6 Ottobre 2021


Continua a fare molto scalpore, non solo negli Stati Uniti, la denuncia di Frances Haugen, l’ex manager di Facebook che aveva accusato la piattaforma di mettere al primo posto i profitti a scapito della salute pubblica.
Ieri Haugen ha testimoniato in Senato dove ha ribadito quanto già espresso in precedenza incontrando il favore trasversale di democratici e repubblicani, entrambi uniti nel ribadire la necessità di apportare cambiamenti all’azienda.

Il danno all’interesse personale e all’autostima inflitto da Facebook oggi perseguiterà una generazione“, ha affermato il senatore democratico Richard Blumenthal. Il collega repubblicano Dan Sullivan ha detto che il mondo si sarebbe guardato indietro e avrebbe chiesto “A cosa diavolo stavamo pensando?” alla luce delle rivelazioni sull’impatto di Facebook.

La risposta di Facebook: “Giusto creare nuove regole per Internet”

Facebook, che questa settimana ha dovuto affrontare anche un down del sistema durato ben 6 ore, ha risposto alle accuse. In una dichiarazione il colosso di Menlo Park ha provato a minare la credibilità della Haugen. Facebook ha affermato che si trattava di una persona che “aveva lavorato in azienda per meno di due anni”. Inoltre, l’informatrice “non ha avuto rapporti diretti e non ha mai partecipato a una riunione decisionale. Inoltre ha testimoniato più volte di non lavorare sull’argomento in questione”.

Tuttavia Facebook ha convenuto che è ora di iniziare a creare delle regole standard per internet. “Sono passati 25 anni da quando le regole per Internet sono state aggiornate. Invece di aspettarsi che l’industria prenda decisioni sociali che spettano ai legislatori, è tempo che il Congresso agisca“.

Zuckerberg: “Accuse semplicemente false”

Mark Zuckerberg ha risposto in una lettera sostenendo sostanzialmente che i dati sono stati travisati. Il CEO ha sottolineato che le accuse della Haugen “non hanno alcun senso e “sono semplicemente false”.

Al centro di queste accuse c’è l’idea che diamo la priorità al profitto rispetto alla sicurezza e al benessere. Non è vero. Ad esempio, una mossa che è stata messa in discussione è quando abbiamo introdotto la modifica delle interazioni sociali nel feed delle notizie. Questo cambiamento ha mostrato meno video virali e più contenuti da amici e familiari, cosa che abbiamo fatto pur sapendo che le persone avrebbero trascorso meno tempo su Facebook. Ma quella ricerca ha suggerito che era la cosa giusta per il benessere delle persone“.

Zuckerberg ha aggiunto che l’argomento secondo cui Facebook promuove deliberatamente contenuti che fanno arrabbiare le persone per profitto è profondamente illogico. Ha affermato che il gigante dei social media guadagna con annunci e inserzionisti, che chiedono costantemente di non essere visualizzati accanto a contenuti dannosi o “arrabbiati”.

Il CEO di Facebook anche parlato a lungo dell’impatto della piattaforma sui bambini, soprattutto alla luce delle accuse rivolte contro Instagram. Zuckerberg ha detto che è molto importante per lui che tutto ciò che costruiscono sia sicuro e adatto ai minori. “A lungo termine, se continuiamo a provare a fare ciò che è giusto e a fornire esperienze che migliorano la vita delle persone, sarà meglio per la nostra comunità e per il nostro business“, ha concluso.

 


Tag: FacebookFrances HaugenMark Zuckerberg