Olimpiadi 2032, Brisbane ospiterà
i Giochi: è ufficiale

Non più Sidney, come nel 2000, ma si andrà nella terza città più popolosa dello stato australiano del Queensland

Il simbolo delle Olimpiadi
Newsby Lorenzo Grossi 21 Luglio 2021

L’assegnazione delle Olimpiadi 2032 è diventata ora ufficiale. Dopo le indiscrezioni delle ultime settimane, il congresso del Cio, che precede l’inizio di Tokyo 2020, ha deciso che i Giochi sono pronti a volare in Australia tra undici anni. Non sarà più Sidney, come accadde nel 2000; bensì toccherà a Brisbane. Si tratta della città più popolosa dello stato australiano del Queensland, di cui è la capitale, nonché la terza città più popolosa dell’Australia. L’area metropolitana di Brisbane, posta lungo la costa orientale del paese, ha una popolazione di quasi 2 milioni e mezzo di abitanti.

Assisteremo, quindi, a un perfetto giro del mondo perché nel mezzo sono previste le edizioni di Parigi 2024 e Los Angeles 2028. Dopo Asia, Europa e America si andrà così in Oceania, per la terza volta nella storia dopo Melbourne nel 1956 e, per l’appunto, e Sydney 2000.

Olimpiadi 2032: la vittoria di Brisbane è arrivata per mancanza di avversarie

La vittoria di Brisbane è arrivata sostanzialmente per la mancanza di avversarie. Germania, Ungheria, Indonesia e Qatar avevano manifestato il proprio interesse, ma stavano ancora lavorando per mettere a punto le rispettive proposte. Proposte, ovviamente, non prioritarie in questo particolare momento storico vista l’emergenza sanitaria. La località sulla Costa Est della terra dei canguri si è invece presentata con un progetto completo, supportato dal Governo Nazionale e dallo Stato del Queensland. Thomas Bach, Presidente del Cio, lo aveva definito “irresistibile”.

Ricordiamo che, nel frattempo, sono già state assegnate anche le Olimpiadi Invernali del 2022 (a Pechino) e quelle del 2026 (a Milano-Cortina). Mancherebbe però, in realtà, il nome della città che ospiterà i Giochi Olimpici dei 2030 per completare il quadro del prossimo decennio a cinque cerchi. Non ci sono ancora candidate, ma non sembra comunque esserci ancora tanta fretta. Insomma: per il momento si pensa solo a Tokyo. Con tutti i problemi che si stanno inevitabilmente riscontrando, dal punto di vista organizzativo, a causa della pandemia.

Impostazioni privacy