Paura per Albano Carrisi: raid nelle tenute del cantante

newsby Rossana Muraca23 Marzo 2022


Ore di paura per il cantante pugliese Al bano Carrisi, in casa sua sono arrivati i ladri. Ma vediamo cosa è successo in queste ore.

Al bano Carrisi, cantante pugliese ed internazionale, ex marito di Romina Power e compagno di Loredana Lecciso, non ha mai nascosto di avere un amore profondo per la sua terra, dove ha costruito nelle sue Tenute una vera e propria azienda agricola. Appassionato di agricoltura e viticoltura, Al bano in Puglia, ha costruito un vero e proprio impero.

A pochi km da Cellino San Marco, nel cuore del Salento, Al Bano Carrisi ha costruito, nelle sue Tenute, un Borgo Antico tra bosco, vigneti e uliveti, a pochi km dal Mare Adriatico e dal Mar Ionio e una ventina di km da Lecce. Nelle Tenute di Al bano sono presenti una Spa, una cantina e il ristorante Don Carmelo, dal nome di suo padre.

Al bano Carrisi è anche un produttore di vini e grappe: tra i più pregiati “Nostalgia”; “Felicità”; “Grappa Luna”.

Al bano e il papà Don Carmelo Carrisi
Al bano e il papà Don Carmelo Carrisi

Mega furto per Al bano Carrisi

Al bano Carrisi,  da pochi giorni ha aperto la sua casa ad una famiglia ucraina. “Si tratta di una madre con la figlia e di un ragazzo di 18 anni, probabilmente appartenenti allo stesso nucleo famigliare”, ha dichiarato in un intervista concessa al Corriere della Sera, aggiungendo che tutte le famiglie di Cellino si stanno mobilitando per poter accogliere il maggior numero di persone possibile.

In queste ore però il cantante è stato protagonista di un brutto episodio che lui stesso ha raccontato alla stampa locale quanto avvenuto nella notte tra il 20 e il 21 scorso, quando i ladri hanno trafugato pali in ottone e danneggiato un intero vitigno:

“Tu fai le cose per bene. Dedichi tanto tempo alla tua terra e lo fai con amore e passione. Poi, però, di colpo arriva chi invece distrugge il tuo lavoro: hanno tagliato fili, tolto i pali, creando un danno all’interno dei vigneti, oltre che un disservizio“.

In poco tempo i malviventi sono riusciti a rubare oltre duecentoquaranta pali in ottone, sradicandoli dal vigneto di uva Negramaro.  Un bottino del valore di circa 3500 euro. Sul furto al momento stanno indagando i Carabinieri di Cellino. Non è la prima volta che Al bano è stato preso di mira e derubato. Ma questa volta si è trattato di un vero raid. 

Per gli inquirenti non si è trattata di un’azione improvvisata. Per trasportare la mole di materiale rubato i malviventi devono avere utilizzato un furgone.

Tenute Albano
Tenute Albano