Nastro d’Argento, Laura Pausini vince per la miglior canzone

Il 2021 è senza dubbio un anno d’oro per Laura Pausini. La cantante, dopo essersi aggiudicata il Golden Globe, ha vinto il Nastro D’Argento per la miglior canzone originale con Io Sì (Seen). Il brano, pubblicato Atlantic/Warner, è stato realizzato per La vita davanti a sè, film originale Netflix con Sophia Loren diretto da Edoardo Ponti.

Laura Pausini ritirerà il premio il prossimo 22 giugno al Maxxi di Roma

“Un altro riconoscimento per “Io Sì (seen)” a cui devo dire grazie, davvero. Per tutte le emozioni e le soddisfazioni che mi ha dato, anche internazionali”. A dirlo è Laura Pausini, commentando la sua vittoria ai Nastri d’Argento 2021. “Grazie anche per le montagne russe che mi ha fatto vivere in questo anno così strano per tutti. Dal profondo del cuore mi auguro che tutto, anche il Nastro D’Argento per cui sono davvero orgogliosa, contribuisca a dare un’ulteriore spinta al nostro cinema, da sempre tanto ammirato in tutto il mondo”.

Il brano scritto per il film di Edoardo Ponti segna la prima collaborazione di Laura Pausini con Diane Warren e con il music supervisor Bonnie Greenberg. Per il testo italiano, la cantante ha rinnovato il sodalizio con Niccolò Agliardi, tra i suoi coautori più assidui. Nella serata di premiazione di martedì, 22 giugno, sarà proprio lui ad accompagnarla sul palco per ricevere il Nastro D’Argento.

Il premio si va così ad aggiungere a tantissimi altri riconoscimenti per Laura Pausini, che quest’anno ha sfiorato anche la vittoria agli Oscar 2021. La cerimonia di premiazione, come detto, si terrrà il prossimo 22 giugno al Maxxi di Roma.

Nastro D’Argento Europeo a Colin Firth

Non solo Laura Pausini tra i premiati. Infatti, a ricevere il Nastro Europeo 2021 quest’anno sarà l’attore inglese Colin Firth. “Una scelta che premia l’eccellenza del suo talento come la semplicità e, insieme, la sua splendida professionalità sia quando si tratti di affrontare l’impegno dei classici, a volte più vicini al teatro, che al cinema, che la leggerezza della commedia. Un genere al quale Colin Firth regala immancabilmente il suo irresistibile tocco british”. A dirlo è Laura Delli Colli, presidente del Nastro D’Argento.

Impostazioni privacy