Troppi satelliti nello spazio? Elon Musk si difende: “C’è posto per tutti”

Il fondatore di SpaceX respinge le accuse della Cina secondo cui i suoi satelliti stanno monopolizzando lo spazio

elon musk aiuterà Tonga a ripristinare internet
newsby Linda Pedraglio30 Dicembre 2021


Elon Musk ha respinto le affermazioni secondo cui il suo progetto Internet satellitare Starlink sta occupando troppo posto nello spazio. “Decine di miliardi” di satelliti possono essere mandati in orbita vicino alla Terra, ha detto al Financial Times. I suoi commenti arrivano dopo l’affermazione del capo dell’Agenzia spaziale europea (ESA) secondo cui Musk stava “dettando le regole” per l’emergente industria spaziale commerciale.

Elon Musk accusato di monopolizzare lo spazio

Lo spazio è estremamente enorme e i satelliti sono molto piccoli, ha detto Musk nell’intervista. Il fondatore di SpaceX ha respinto i suggerimenti secondo cui il suo progetto Starlink Internet Services stava effettivamente ostacolando l’ingresso di concorrenti nell’industria dei satelliti, affermando che c’è ampio spazio nell’orbita terrestre per i satelliti. “Questa non è una situazione in cui stiamo effettivamente bloccando gli altri in alcun modo. Non abbiamo impedito a nessuno di fare nulla, né ci aspettiamo di farlo“, ha detto. “Un paio di migliaia di satelliti non sono niente. È come, ehi, qui ci sono un paio di migliaia di auto sulla Terra, non è niente“, ha aggiunto.

Questo mese, Josef Aschbacher, il direttore generale dell’ESA, ha avvertito che le migliaia di satelliti per comunicazioni lanciati da Starlink porterebbero a uno spazio molto minore per i concorrenti. Altri esperti hanno affermato che sono necessarie distanze molto maggiori tra i veicoli spaziali per evitare collisioni rispetto a quanto suggerito da Musk. Gli scienziati hanno anche precedentemente espresso preoccupazione per i rischi di collisioni nello spazio. Per questo motivo, hanno invitato i governi mondiali a condividere informazioni sui circa 30.000 satelliti e altri detriti spaziali che orbitano attorno alla Terra.

Incontri ravvicinati nello spazio: gli incidenti con la Cina

Elon Musk ha fatto notizia questa settimana quando ha dovuto affrontare un contraccolpo sui social media. La Cina si è lamentata del fatto che la sua stazione spaziale è stata costretta a evitare collisioni con i satelliti lanciati dal suo progetto Starlink. La stazione spaziale del paese ha avuto due “incontri ravvicinati” con i satelliti Starlink quest’anno, ha affermato Pechino. Gli incidenti si sono verificati il ​​1° luglio e il 21 ottobre, secondo un documento presentato dalla Cina questo mese all’Ufficio dell’ONU per gli affari spaziali.

Per motivi di sicurezza, la Stazione spaziale cinese ha implementato un controllo preventivo per evitare le collisioni“, ha affermato Pechino nel documento pubblicato sul sito web dell’agenzia. Gli incidenti dietro le denunce all’agenzia spaziale delle Nazioni Unite non sono stati ancora verificati in modo indipendente. La Cina ha anche accusato gli Usa di mettere in pericolo gli astronauti ignorando gli obblighi previsti dai trattati sullo spazio esterno. Il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha affermato che la Cina sta esortando gli Stati Uniti ad agire in modo responsabile. SpaceX ha già lanciato quasi 1.900 satelliti come parte della rete Starlink e prevede di distribuirne altre migliaia.


Tag: CinaElon MuskEsaInternet satellitare StarlinkOnuSpaceXSpazio