Scoperto un buco nero nascosto in una galassia vicina

Grazie a un potente telescopio è stato scoperto per la prima volta un buco nero, 11 volte più grande del sole, nascosto in una galassia vicina a 160.000 anni luce dalla Terra

buco nero
Foto Unsplash | Jeremy Perkins
newsby Giulia Martensini11 Novembre 2021


Un buco nero appena scoperto era nascosto in un ammasso contenente migliaia di stelle nella vicina galassia Grande Nube di Magellano. Il buco nero si trova a 160.000 anni luce dalla Terra ed è 11 volte la massa del nostro sole.

Gli astronomi lo hanno scoperto utilizzando il Very Large Telescope dell’Osservatorio europeo meridionale in Cile. Osservando come la gravità del buco nero ha influenzato il movimento di una stella vicina, che è circa cinque volte la massa del nostro sole.

È la prima volta che viene utilizzato questo modo per rilevare un buco nero. Una soluzione che potrebbe aiutare i ricercatori a scoprire altri buchi neri nascosti nella nostra galassia della Via Lattea e in altre galassie.
Più gli astronomi imparano a conoscere i buchi neri, meglio possono capire come questi oggetti cosmici si formano e cambiano nel tempo.

Come si individua un buco nero

Sebbene i buchi neri siano difficili da individuare, tendono a rivelare la loro presenza altrimenti invisibile con le loro azioni. I buchi neri emettono raggi X quando divorano la materia circostante o creano onde gravitazionali quando si scontrano l’uno con l’altro o si scontrano con dense stelle di neutroni.
Ma non tutti i buchi neri sono uguali, e questo è più piccolo di quanto rilevato da altri astronomi. È stato notato dai ricercatori solo quando hanno visto una stella con un movimento particolare tra tante altre stelle che non si comportavano allo stesso modo.
La stragrande maggioranza dei buchi neri può essere svelata solo dinamicamente“, ha affermato Stefan Dreizler, coautore dello studio. “Quando formano un sistema con una stella, influenzeranno il suo movimento in modo sottile ma rilevabile, quindi possiamo trovarli con strumenti sofisticati“.

È la prima volta che gli astronomi trovano un giovane buco nero in un ammasso di stelle che sono anche così giovani – circa 100 milioni di anni. Un nulla, se confrontata con il resto dell’universo.
In futuro, gli astronomi potrebbero utilizzare questo metodo per trovare altri giovani buchi neri per comprendere la loro evoluzione e confrontarli con buchi neri più grandi negli ammassi stellari più vecchi per vedere come i buchi neri crescono nel tempo.
Ogni singolo rilevamento risulta dunque cruciale per la nostra futura comprensione degli ammassi stellari e dei buchi neri al loro interno.

 

 


Tag: Buco nerogalassia