Le 10 persone di scienza del 2021, secondo Nature: nessun italiano

Queste persone hanno contribuito a fare scoperte sorprendenti e hanno portato l'attenzione su questioni cruciali

Le persone della scienza secondo Nature
Foto Nature
newsby Linda Pedraglio16 Dicembre 2021


Dal primo scienziato che ha sequenziato la variante Omicron, alla studiosa che ha lasciato Google per realizzare sistemi di intelligenza artificiale. Sono queste alcune delle 10 persone che, secondo la rivista Nature, hanno fatto la storia della scienza nel 2021. Presente all’appello anche il ricercatore cinese che ha guidato la storica discesa del primo rover non americano su Marte.

Winnie Byanyima

Prima ancora che esistessero i vaccini per il COVID-19, Winnie Byanyima sapeva che distribuirli equamente sarebbe stata una sfida. All’inizio del 2020, è stata una delle poche voci ad avvertire che i paesi a basso e medio reddito non potevano fare affidamento solo sulle donazioni per vaccinare la loro gente.

Tulio de Oliveira

Un bioinformatico in Sudafrica ha aiutato a identificare le varianti preoccupanti del coronavirus SARS-CoV-2. Il 25 novembre, Tulio de Oliveira ha annunciato la scoperta di una nuova variante di SARS-CoV-2 .

Meaghan Kall

Un epidemiologo del governo è andato contro le norme per twittare spiegazioni sui dati del coronavirus nel Regno Unito. Nel pomeriggio dell’8 gennaio, Meaghan Kall, un epidemiologo del governo britannico, ha contribuito a dare gli ultimi ritocchi a un documento informativo tecnico su una variante della SARS-CoV-2 che si diffonde nel sud-est dell’Inghilterra. Quindi, circa mezz’ora dopo la pubblicazione del rapporto, ha provato qualcosa di nuovo: ha pubblicato un thread su Twitter che ne analizzava i punti chiave.

Janet Woodcock

Questo amministratore ha guidato la principale agenzia farmaceutica degli Stati Uniti in un anno impegnativo. Solo pochi giorni dopo che Joe Biden è diventato presidente degli Stati Uniti a gennaio, ha nominato Janet Woodcock commissario ad interim della Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

Friederike Otto

Mentre le ondate di calore, le inondazioni e la siccità si moltiplicano, questo ricercatore valuta se gli esseri umani abbiano qualche colpa. Friederike Otto ha trascorso gli ultimi sette anni a studiare eventi meteorologici estremi, ma anche lei è rimasta scioccata quando una straordinaria ondata di caldo ha colpito il Canada e il nord-ovest degli Stati Uniti a luglio.

Victoria Tauli-Corpuz

Un ex rivoluzionario ha aiutato i popoli indigeni a ottenere il riconoscimento internazionale per la protezione della biodiversità e del clima. Mentre il vertice sul clima COP26 delle Nazioni Unite ha dato il via a Glasgow, UK, diverse nazioni ricche e più di una dozzina di organizzazioni filantropiche si sono impegnati a fornire 1,7 miliardi di dollari per aiutare i popoli indigeni di tutto il mondo.

Timnit Gebru

Dopo aver perso il lavoro in Google, una pioniera dell’intelligenza artificiale ha fondato un istituto indipendente per sollevare domande sull’etica nella tecnologia. L’allontanamento altamente pubblicizzato ha scioccato gli scienziati, inclusi alcuni nell’azienda, e migliaia di ricercatori si sono radunati per sostenerla, amplificando le sue preoccupazioni sulla discriminazione contro i neri nell’intelligenza artificiale.

Guillaume Cabanac

Guillaume Camabac è un informatico della University of Toulouse, in Francia, che ha messo a punto un sito web per tener traccia dei problemi dell’editoria scientifica-

Zhang Rongqiao

Questo ingegnere ha guidato la prima missione su Marte di successo della Cina. Il 15 maggio, Zhang Rongqiao si è asciugato le lacrime dagli occhi mentre il rover cinese su Marte è atterrato in sicurezza sulle pianure sabbiose e ramate del pianeta. L’atterraggio ha segnato la conclusione di un viaggio di 475 milioni di chilometri pieno di pericoli per Zhang e la China National Space Administration.

John Jumper

Un team guidato da questo ricercatore di intelligenza artificiale ha rilasciato uno strumento che sta trasformando la biologia. Cosa significherebbe se determinare la struttura di quasi tutte le proteine ​​fosse semplice come eseguire una ricerca sul web? John Jumper e i suoi colleghi di DeepMind a Londra hanno tentato di rispondere a questa domanda con il rilascio pubblico di AlphaFold.


Tag: NatureScienza