Amazon e Ikea, spedizioni a zero emissioni entro il 2040

I due colossi della vendita al dettaglio si affideranno a flotte marittime a zero emissioni entro il 2040

Ikea e Amazon spedizioni zero emissioni entro il 2040
Foto Pexels
newsby Linda Pedraglio19 Ottobre 2021


Amazon e Ikea puntano a scegliere una flotta marittima a zero emissioni di carbonio entro il 2040 per spedire i loro prodotti in tutto il mondo. Si tratta di un traguardo ambizioso quanto fondamentale, considerando che il 90% del commercio mondiale avviene via mare. Questa iniziativa mira ad accelerare la decarbonizzazione del trasporto marittimo globale che rappresenta circa il 3% delle emissioni mondiali di CO2.

Trasporto marittimo a zero emissioni entro il 2040

Promotore dell’iniziativa per la decarbonizzazione del settore marittimo è l’Aspen Institute. Tra i nove firmatari, figurano anche Unilever e Michelin, che acquisteranno solo servizi di trasporto marittimo alimentati da combustibili a zero emissioni di carbonio. La data da cerchiare è il 2040, quindi in anticipo di 10 anni rispetto agli obiettivi mondiali. Le Nazioni Unite mirano infatti a ridurre i gas serra del settore del 50% rispetto ai livelli del 2008 entro il 2050.

Ikea e Amazon pronti a sostenere la causa

Il momento di agire è ora“, ha affermato Edgar Blanco, direttore, net-zero carbon di Amazon. “La voce dei proprietari del carico è importante poiché siamo una delle parti interessate per consentire la trasformazione nel settore“, ha detto a Reuters Elisabeth Munck af Rosenschöld, responsabile della sostenibilità, presso Inter IKEA Group. “Non siamo disposti a pagare automaticamente un premio per la sostenibilità, ma siamo disposti a collaborare e a co-creare le soluzioni e condividere gli investimenti necessari“, ha spiegato Elisabeth Munck af Rosenschöld.

Aumentati i tassi di spedizione dopo il lockdown

L’aumento della domanda di beni al dettaglio e l’interruzione delle attività portuali durante il lockdown hanno determinato un aumento dei tassi di spedizione dei container. Michelle Grose, responsabile della logistica di Unilever, ha affermato che la logistica rappresenta il 15% dell’impronta totale delle emissioni di gas serra (GHG) del gruppo. Per questo motivo, Unilever stava “incoraggiando i nostri vettori esistenti a passare a combustibili più puliti“. Segnalando “il nostro impegno per il trasporto marittimo a emissioni zero, siamo fiduciosi che accelereremo la transizione“, ha concluso Grose.

Ship It Zero: “Impegni storico, ma troppo deboli”

Per i gruppi ambientalisti dell’organizzazione Ship It Zero, gli impegni annunciati sono “storici, ma troppo deboli” e hanno esortato i firmatari a passare completamente alle navi a emissioni zero entro il 2030. “Se i principali marchi di vendita al dettaglio vogliono davvero fare la loro parte giusta sul cambiamento climatico, devono correggere la rotta ora, non tra 19 anni“, ha affermato Kendra Ulrich del gruppo ambientale Stand.earth, membro di Ship It Zero.

 


Tag: AmazonCO2Ikeatrasporto marittimo