Vaccino a bimbi di 5-11 anni, sì Ema
a Pfizer e BioNTech: le novità

Il nuovo vaccino sarà conservabile in maniera molto più facile, e soprattutto sarà pronto all'uso senza dover essere diluito: ecco cosa cambia

Paxlovid, negli Usa via libera alla pillola anti Covid di Pfizer
Il logo di Pfizer (Gado/Getty Images)
newsby Marco Enzo Venturini18 Ottobre 2021


Importante novità sul fronte vaccino da parte di Pfizer e BioNTech. Gli esperti Ema hanno infatti dato il via libera per la formulazione di una nuova versione di Comirnaty, che sarà disponibile a partire da inizio 2022. Lo conferma l’Adnkronos. Il nuovo siero sarà pronto all’uso e conservabile a temperature di un normale frigorifero fino a due mesi e mezzo.

Pfizer e BioNTech: le novità

L’approvazione del vaccino di nuova concezione arriva dal Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Agenzia europea del farmaco. Si tratta, si spiega, di “una formulazione di Comirnaty che non richiede diluizione prima della somministrazione“. Pfizer e BioNTech lavoreranno su tale formulazione, che potrebbe agevolarne la somministrazione ai bambini di età compresa tra 5 e 11 anni.

Essa “sarà disponibile in confezioni da 10 flaconcini (60 dosi) e può essere conservata a 2-8°C fino a 10 settimane“. Una differenza rispetto all’attuale vaccino Pfizer/BioNTech che la stessa Ema ricorda. “L’attuale formulazione concentrata richiede diluizione prima della somministrazione“, si legge nella nota. Oggi il siero “è disponibile in confezioni da 195 flaconcini (1.170 dosi) e può essere conservata a 2-8°C per massimo un mese“.

L’utilizzo del nuovo vaccino per i bambini

Le due case farmaceutiche, l’americana Pfizer e la tedesca BioNTech, hanno espresso in una nota la propria soddisfazione per il parere positivo arrivato dall’ente regolatorio Ue alla nuova formulazione. In presenza di una definitiva approvazione, il vaccino anti-Covid di Pfizer-BioNTech per i bambini di 5-11 anni si baserà proprio sulla nuova formulazione ‘pronta all’uso’ appena approvata.

Questo perché la nuova formulazione del vaccino “sarà adattata per consentire un livello di dose inferiore, pari a 10 microgrammi dopo la diluizione“. Pfizer e BioNTech garantiscono infatti “una manipolazione semplificata” per andare incontro alle esigenze mediche dei più piccoli. “Tutti gli altri aspetti, inclusi l’antigene e i lipidi del vaccino, rimangono invariati“, si aggiunge quindi.


Tag: BioNTechCoronavirusPfizerVaccino