Oms: in Europa la fine della pandemia è vicina

Le vaccinazioni, la variante Omicron più mite e l'arrivo della primavera dovrebbero mantenere basso il tasso di mortalità e garantire un periodo di tranquillità nonostante il record di contagi

OMS, europa vicina a fine pandemia
Il logo dell'Oms
newsby Giulia Martensini3 Febbraio 2022


L’Europa potrebbe presto entrare in un “lungo periodo di tranquillità” che equivale a una sorta di “cessate il fuoco” nella pandemia, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità. Questo è possibile grazie alla variante meno grave dell’Omicron, agli alti livelli di immunità e all’arrivo di un clima primaverile più caldo.

In una valutazione ottimistica, Hans Kluge, direttore dell’OMS per l’Europa, ha affermato che la regione si trova in una posizione di “maggiore protezione” che potrebbe “portarci una pace duratura“, anche se dovesse emergere una nuova variante più virulenta di Omicron.

In Europa presto ci sarà “un lungo periodo di tranquillità”

Kluge ha affermato che la regione ha registrato 12 milioni di nuovi casi di coronavirus la scorsa settimana, il totale settimanale più alto dall’inizio della pandemia. Con circa il 22% di tutti i test che hanno restituito un risultato positivo. Tuttavia, i ricoveri ospedalieri, sebbene in crescita, non sono aumentati allo stesso ritmo. E anche il numero di pazienti in terapia intensiva non è aumentato in modo significativo, ha affermato.

Kluge ha affermato che grazie al capitale di immunità derivato dal vaccino i governi ora avranno “una singolare opportunità di assumere il controllo dei contagi“. Ciò apre la prospettiva di “un lungo periodo di tranquillità. E un livello di difesa della popolazione molto più elevato contro qualsiasi nuova ripresa dei tassi di infezione, ha affermato. La previsione ottimistica arriva pochi giorni dopo che Kluge ha affermato che era “plausibile” che la regione si stesse “muovendo verso una sorta di fine partita della pandemia“.

Oms: inquità vaccino deve finire

Ma Kluge ha sottolineato che le autorità devono usare la tregua in modo costruttivo. Continuando le campagne di vaccinazione e richiamo, proteggendo i più vulnerabili, promuovendo la responsabilità individuale e intensificando la sorveglianza per rilevare nuove varianti.

Credo che sia possibile rispondere a nuove varianti che emergeranno inevitabilmente senza reinstallare il tipo di misure dirompenti di cui avevamo bisogno prima“, ha affermato. Ma ha aggiunto che ora deve essere una priorità assoluta garantire che tutti i paesi siano ugualmente ben protetti.

Ciò richiede un aumento drastico e senza compromessi della condivisione dei vaccini oltre i confini”, ha affermato Kluge. Non possiamo accettare l’iniquità del vaccino per un altro giorno: i vaccini devono essere per tutti, nell’angolo più remoto della nostra vasta regione e oltre“.

L’impatto del Covid nella lotta contro il cancro

Alla vigilia della Giornata mondiale del cancro, il direttore regionale dell’OMS ha anche notato l’impatto catastrofico che la pandemia ha avuto sulle persone malate di cancro. Con i sistemi sanitari che hanno lottato con lo screening, la diagnosi e il trattamento negli ultimi due anni. L’analisi del Global Pulse Survey – condotto dall’Oms sulla continuità dei servizi sanitari essenziali durante la pandemia – “indica che nell’ultimo trimestre del 2021 si è verificata un’interruzione nella cura del cancro . Con una “diminuzione di screening e trattamento tra il 5 e il 50% in tutti i paesi segnalati“.

Durante le prime fasi della pandemia, ha affermato, la diagnosi di tumori invasivi è diminuita del 44% in Belgio. Gli screening colon rettali sono diminuiti del 46% in Italia, mentre in Spagna il numero di tumori diagnosticati nel 2020 è stato del 34% inferiore al previsto.

La situazione in molti Paesi è migliorata da allora, ha affermato. Tuttavia “l’effetto a catena di questa interruzione si farà sentire per anni” e qualsiasi tregua dalla pandemia deve essere utilizzata immediatamente per ridurre gli arretrati per i servizi di assistenza cronica.

 

 


Tag: CovidEuropaOmspandemia