Dosi di richiamo per sempre? Ecco perché alcuni scienziati non sono d’accordo

Tutti dovrebbero avere una dose di richiamo per il covid. A lungo termine, tuttavia, le dosi ogni pochi mesi non sono una strategia praticabile per la salute pubblica, affermano gli scienziati

dosi di richiamo per sempre, gli scienziati non sono d'accordo
Foto Unsplash | Jeremy Bezanger
newsby Giulia Martensini7 Gennaio 2022


Un anno fa, si pensava che solo due dosi di un vaccino contro il covid – o anche una, nel caso di Johnson & Johnson – offrissero una protezione sufficiente contro il coronavirus.

Ora, di fronte alla variante Omicron straordinariamente contagiosa, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno esteso l’ammissibilità alle dosi di richiamo. E hanno smesso di definire una persona “completamente vaccinata” perché due dosi non sembrano più adeguate.
Invece, lo stato di vaccinazione di una persona sarà ora “aggiornato” o meno. Non sorprende che molti si chiedano: quando finirà tutto questo? Dovremo sottoporci a dosi di richiamo ogni pochi mesi?

Umiliati ripetutamente da un virus che ha sfidato le aspettative, gli scienziati sono riluttanti a prevedere il futuro. Ma nelle ultime settimane, diversi scienziati hanno affermato che qualunque cosa accada, offrire dosi di richiamo ogni pochi mesi all’intera popolazione non è realistico. Né ha molto senso scientifico.

Perché dosi di richiamo continue sono sconsigliate

Non è inaudito somministrare vaccini periodicamente. Ma penso che ci siano modi migliori rispetto ai richiami ogni sei mesi“, ha affermato Akiko Iwasaki, immunologo alla Yale University.

Prima di tutto, persuadere le persone a mettersi in fila per le dosi booster ogni pochi mesi è probabilmente una proposta persa. E infatti, dopo i no vax, è nato il movimento no booster, che in Italia, si attesta tra il 15 e il 20% della popolazione.

Altrettanto importante, non ci sono dati a sostegno dell’efficacia di una quarta dose degli attuali vaccini.
Sia chiaro: la dose di richiamo aumenta senza dubbio i livelli di anticorpi e aiuta a prevenire l’infezione. Di conseguenza, può alleviare la pressione sul sistema sanitario rallentando temporaneamente la diffusione del virus. Tutti gli esperti hanno affermato che, data l’ondata di Omicron, tutti dovrebbero richiedere la terza dose.

Ma l’aumento dell’immunità è transitorio; già studi preliminari mostrano un calo dei livelli di anticorpi poche settimane dopo una terza dose. E anche ai massimi livelli di anticorpi, la spinta non previene uniformemente l’infezione da Omicron, che è meno vulnerabile alle difese immunitarie del corpo.

Anche con quella quantità di anticorpi, è molto difficile fermare il virus per molto tempo“, ha detto Shane Crotty, virologo presso il La Jolla Institute for Immunology in California. “Ora è un livello molto più alto rispetto a prima, e forse un vaccino specifico per Omicron farebbe un lavoro migliore“.

Vaccinare il mondo ogni 6 mesi? “Non è sostenibile o conveniente”

Anche un importante esperto che ha contribuito a creare il vaccino AstraZeneca ha affermato che non è fattibile dare a tutti nel mondo dosi di richiamo più volte all’anno.

Non possiamo vaccinare il pianeta ogni quattro-sei mesi. Non è sostenibile o conveniente”, ha dichiarato il professor Andrew Pollard, direttore dell’Oxford Vaccine Group e capo del Comitato britannico per la vaccinazione e l’immunizzazione.
Pollard ha anche sottolineato la “necessità di prendere di mira i più vulnerabili” in futuro, piuttosto che somministrare dosi a tutte le persone di età pari o superiore a 12 anni. Sono necessari più dati per accertare “se, quando e quanto spesso coloro che sono vulnerabili avranno bisogno di dosi aggiuntive“, ha affermato.

In un’intervista Pollard ha anche citato l’evidente disomogeneità del lancio di vaccini in tutto il mondo.
Semplicemente non è – da una prospettiva globale – conveniente, sostenibile o attuabile dare la quarta dose a tutti sul pianeta ogni sei mesi“, ha detto Pollard. “E ricordiamo che, oggi, meno del 10% delle persone nei paesi a basso reddito ha persino ricevuto la prima dose. Quindi l’idea di una quarta dose regolare a livello globale non è sensata“.

Pfizer-BioNTech, Moderna e Johnson & Johnson hanno tutti affermato che stanno testando vaccini mirati alla variante Omicron che potrebbero essere disponibili in pochi mesi.

Non ha senso continuare a potenziare contro un ceppo che è già andato“, ha detto Ali Ellebedy, immunologo alla Washington University di St. Louis. “Se hai intenzione di aggiungere un’altra dose dopo le tre, aspetterei sicuramente per una a base di Omicron“.

Gli scienziati al lavoro contro Omicron

Se l’obiettivo è aumentare l’immunità contro Omicron o varianti future, altre tattiche sarebbero migliori dei continui potenziamenti di un vaccino progettato per riconoscere il virus originale, hanno affermato gli esperti.

Alcuni gruppi di ricerca stanno sviluppando un cosiddetto vaccino pan-coronavirus progettato per colpire parti del virus che cambierebbero molto lentamente o non cambierebbero affatto.

Gli attuali vaccini potrebbero essere combinati con booster di vaccini nasali o orali, che sono più efficaci nel prevenire l’infezione perché ricoprono il naso e altre superfici mucose, i punti di ingresso del virus, con anticorpi.

E semplicemente concedere più tempo tra le dosi di vaccino potrebbe anche rafforzare l’immunità, una lezione che gli scienziati hanno imparato nelle lotte contro altri agenti patogeni.

Molti esperti inizialmente erano contrari all’idea di un colpo di richiamo. Alcuni credevano che i regimi vaccinali originali fossero sufficienti per tenere la maggior parte delle persone fuori dall’ospedale. Cosa che dovrebbe rappresentare la vera misura del successo di un vaccino.

C’è ancora troppa inequità nella distribuzione del vaccino

Altri hanno ritenuto che fosse ingiusto per i paesi ricchi accumulare il vaccino per le dosi di richiamo quando milioni di persone in tutto il mondo non avevano ancora ricevuto una prima dose.

Ma la prospettiva è cambiata quando gli scienziati hanno visto la marcia rapida e inesorabile di Omicron in tutto il mondo. “Omicron ha davvero cambiato il mio pensiero su questo“, ha detto Scott Hensley, un immunologo dell’Università della Pennsylvania.

Lui e altri ora supportano una terza dose. Ma vedono poca utilità nel seguire il percorso di Israele e lanciarne una quarta. Sostenendo che altre parti del sistema immunitario – come le cellule T e le cellule B – si mantengono stabili contro il virus dopo tre dosi, e forse anche dopo due.

Sebbene queste cellule immunitarie non possano prevenire l’infezione, alleviano la gravità dei sintomi e mantengono bassi i ricoveri.

Se i vaccini hanno impedito l’infezione e la diffusione del virus, potrebbero avere senso dei richiami regolari. “Ma con Omicron, qual è il punto?” ha detto il dottor Nussenzweig. “Il fine del gioco è tenere le persone fuori dall’ospedale“.

Lo scorso autunno, il dottor Anthony S. Fauci, il principale consigliere nazionale per la pandemia, ha ripetutamente parlato dell’importanza di prevenire le infezioni sintomatiche. Ma anche lui in questi giorni ha detto che sono i ricoveri che contano davvero.

Trattare il covid come un’influenza

Al fine di prevenire le infezioni, le dosi di richiamo devono essere sincronizzati alla circolazione di una variante nella popolazione. Molte persone che hanno ricevuto una terza dose all’inizio dell’autunno, ad esempio, sono rimaste vulnerabili a Omicron perché la spinta immunitaria era già diminuita.

In genere, alle persone viene detto di vaccinarsi contro l’influenza poco prima che il virus inizi a circolare in inverno. Se il coronavirus si stabilizza in uno schema stagionale simile all’influenza, come sembra possibile, “puoi immaginare uno scenario in cui diamo semplicemente dei booster prima dell’inverno ogni anno”, ha detto il dott. Hensley.

Le lezioni della stagione influenzale suggeriscono anche che è improbabile che la vaccinazione frequente sia utile. Somministrare il vaccino antinfluenzale due volte all’anno “ha un rendimento decrescente. Quindi potrebbe non avere senso fare la vaccinazione così frequentemente”, ha affermato Ben Cowling, epidemiologo dell’Università di Hong Kong.
Penso che sarà difficile ottenere un alto assorbimento con vaccinazioni più frequenti“, ha aggiunto.

Troppe dosi di richiamo potrebbero avere effetti negativi

Alcuni esperti hanno espresso la preoccupazione che ottenere booster troppo spesso, come fanno alcune persone da sole, potrebbe persino essere dannoso. In teoria, ci sono due modi in cui potrebbe ritorcersi contro.

La maggior parte degli immunologi ora respinge come improbabile la prima possibilità, in cui il sistema immunitario è esaurito dalla stimolazione ripetuta – una condizione chiamata “anergia” – e smette di rispondere ai vaccini contro il coronavirus.

La seconda preoccupazione, chiamata “peccato antigenico originale”, sembra più plausibile. In questa prospettiva, la risposta del sistema immunitario è adattata alla prima versione del virus e le sue risposte alle varianti successive sono molto meno potenti.

Con più di 50 mutazioni, Omicron è talmente diverso dalle varianti precedenti che gli anticorpi prodotti per la versione originale del virus faticano a riconoscere l’ultima versione.

La rapida evoluzione del virus si verifica in gran parte perché ha accesso a un numero enorme di ospiti umani. Se i casi continuano ad accumularsi al ritmo attuale, il virus potrebbe continuare ad accumulare grandi cambiamenti. Il che significa che i vaccini potrebbero dover essere aggiornati regolarmente.


Tag: boosterCovidQuarta DoseVariante Omicron