Salvini da Draghi: “Finalmente abbiamo parlato di pace”

Il leader della Lega: "Lasciamo ad altri i venti di guerra. Sono orgoglioso dell'Italia che cerca la pace a ogni costo"

newsby Redazione16 Maggio 2022



A margine dell’incontro con Mario Draghi, il presidente del Consiglio, Matteo Salvini, il segretario della Lega, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai giornalisti. “Con Draghi finalmente abbiamo parlato di pace. Dopo tre mesi di guerra non ci dormivo la notte. Abbiamo parlato di come arrivare al cessate il fuoco il prima possibile con l’Italia protagonista. Lasciamo ad altri i venti di guerra. Non comprare gas dalla Russia non ferma il conflitto ma danneggia l’Europa. Sono orgoglioso dell’Italia che cerca la pace a ogni costo“.

“No a nuovo invio di armi, la guerra finirà al tavolo”


Salvini si è detto contrario all’invio di nuove armi all’Ucraina. “I dati dicono che sia Russia che Ucraina sono stanche del conflitto, nel 2022 la guerra si vince al tavolo non con le armi“. Sulle conseguenze economiche: “Se la guerra va avanti l’Italia perderà milioni di posti di lavoro; se devo chiedere un cessate il fuoco ovviamente lo chiedo alla Russia“.

Dl Ucraina, Camera senza numero legale. Salvini: “Non è colpa mia”


Salvini ha poi risposto a una domanda riguardante la scarsa presenza di leader leghisti alle votazioni sul decreto legge Ucraina bis (che sono state rimandate a domani). “Non è colpa mia, mancavano anche deputati di altri partiti, chiedo a lei che numeri ha“.


Tag: Mario DraghiMatteo SalviniUcraina