Recovery Fund, Fornaro:
“Incontro costruttivo”

[scJWP IdVideo=”qda6fDCL-Waf8YzTy”]

È stato un confronto costruttivo. Siamo entrati nel merito, sia sulla ripartizione dei fondi, sia sulle metodologie. Si è parlato di governance. Abbiamo trovato la massima apertura. C’è la massima disponibilità per ragionare anche attorno alla governance, in una logica che fa rientrare tutto all’interno della pubblica amministrazione. Ci è sembrato un passo in avanti positivo. Entrare nel merito aiuta“. Così Federico Fornaro, capogruppo di Leu alla Camera, in seguito all’incontro avvenuto a Palazzo Chigi con il Presidente del Consiglio e dove si è discusso del Recovery Fund.

Recovery Fund, De Petris: “Necessario riequilibrio risorse per la sanità”

[scJWP IdVideo=”X1v35YqL-Waf8YzTy”]

A margine dell’incontro sul Recovery Fund, anche la senatrice di Liberi e Uguali Loredana De Petris ha espresso la sua opinione. “Entrando nel merito progettuale, col Recovery Fund serve mettere in campo una strategia di lungo respiro che intrecci il green, la salute e le infrastrutture sociali. Quindi serve un riequilibrio delle risorse. Un vero green, non finto, che aiuti la transizione verde e soprattutto che si intrecci con le grandi questioni sociali: sostegno alla formazione, all’Università e alle infrastrutture sociali. Poi c’è la salute, che tiene tutto insieme e ha bisogno di una diversa allocazione delle risorse, di progetti più a lungo termine“, ha spiegato.

Amendola: “A metà febbraio presentazione piani”

[scJWP IdVideo=”MdBxb0OQ-Waf8YzTy”]

Sul tema Recovery Fund è intervenuto anche Vincenzo Amendola, il ministro degli Affari Europei. “Il Parlamento si riunirà a gennaio per approvare il regolamento sul Recovery. È l’ultimo passaggio. Dopodiché ci auguriamo che per metà febbraio si possano già presentare i piani, ma dipende dal cronoprogramma della Commissione. La cosa importante è che in Italia acceleriamo, coesi. Con degli incontri procederemo a inoltrare le proposte in Parlamento. Siamo l’unico Paese che sta discutendo con il Parlamento i contenuti del Next Generation“.

Impostazioni privacy