Orsa jj4, Pichetto Fratin: “Spero non venga abbattuta”

Il ministro: "In questo momento c'è un tavolo tecnico con il mandato di valutare la situazione del Trentino rispetto alla presenza di circa 120 orsi"

Pichetto Fratin - Foto | Newsby
Newsby Sara Iacomussi 21 Aprile 2023

Si torna a parlare di JJ4, l’orsa che ha ucciso il runner Andrea Papi ed è stata catturata il 18 aprile. Nel corso di un punto stampa, Gilberto Pichetto Fratin, il ministro dell’Ambiente, ha spiegato che “c’è un tavolo in questo momento, un tavolo tecnico con il mandato di valutare la situazione del Trentino rispetto alla presenza di circa 120 orsi. Dobbiamo agire per risolvere la problematicità. Dobbiamo agire per risolvere la problematicità. Sull’orsa, c’è il parere dell’Ispra che dice che è possibile tenerla, naturalmente isolata, perché problematica. Spero non venga abbattuta“.

Siccità, Pichetto Fratin: “Governo valuta nomina commissario”

Pichetto Fratin, che oggi si trova a Torino per partecipare alla Giunta Straordinaria sul tema siccità in Piemonte, ha poi parlato dell’emergenza idrica. “Il Governo può stare a fianco della Regione Piemonte, valuteremo l’eventuale nomina del commissario nazionale perché non c’è altra soluzione che tentare di usare nel modo più razionale possibile la poca acqua che c’è – ha spiegato – Questa situazione ci fa rendere conto della necessità di agire sotto l’aspetto programmatorio della raccolta dell’acqua. Raccogliamo appena il 10% dell’acqua piovana, la Spagna il 30%, questo ci deve far rendere conto di quante cose possiamo ancora fare. Si possono anche snellire le procedure burocratiche per fare una microvasca in area agricola“, ha concluso Fratin.

“Decarbonizzazione unica partita da giocare”

Pichetto Fratin ha poi parlato della decarbonizzazione come soluzione da mettere in atto per affrontare l’emergenza climatica. “La decarbonizzazione va perseguita, è il veicolo principale. Se non risolviamo quella che è la questione energetica non andiamo da nessuna parte. La partita è quella della decarbonizzazione tenendo i piedi per terra e rimanendo seri e razionali, andando a valutare ogni azione con la sua compatibilità economica e sociale. Sono convinto che il percorso di decarbonizzazione passi dai veicoli e quindi che l’autostrada sia l’elettrico, ma quello che non ammetto è che sia la scelta di qualcuno“.

Impostazioni privacy