Iran, al MAXXI l’iniziativa pacifica di protesta

Un'iniziativa che vede il Museo della Capitale, vicino ai giovani iraniani da giorni in lotta per denunciare gli omicidi perpetrati dal regime della Repubblica Islamica

newsby Redazione4 Ottobre 2022



Prosegue l’iniziativa dal titolo “un piccolo gesto simbolico nel nome di Masha Amini e Hadis Najafi“, lanciata dalla Triennale di Milano e successivamente adottata anche dal MAXXI di Roma. Una protesta pacifica che continuerà nei prossimi giorni e che culminerà con la consegna delle ciocche raccolte all’Ambasciata della Repubblica Islamica dell’Iran. Un’iniziativa che vede il Museo della Capitale, vicino ai giovani iraniani da giorni in lotta per denunciare gli omicidi perpetrati dal regime della Repubblica Islamica. “Masha Amini è morta per una ciocca di capelli fuori posto e dopo di lei altre 133 ragazze. La sollevazione degli studenti in Iran è da lezione per tutti noi. Loro chiedono rispetto dei diritti umani e noi dobbiamo essergli vicino, anche con gesti simbolici“, ha dichiarato la presidente della Fondazione MAXXI, Giovanna Melandri, dopo essersi tagliata una ciocca di capelli. Un gesto forte che sta facendo il giro del mondo e che sta portando tante donne al Museo.

Iran, D’Amato: “Diamo voce alle donne iraniane”


Il sostegno alle donne iraniane arriva anche dal Parlamento europeo. L’eurodeputata Rosa D’Amato spiega che “oggi la presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola, farà una dichiarazione importante in merito alla situazione dei diritti umani delle donne in Iran. Il Parlamento europeo ha preso una posizione unica, segno di compattezza nella difesa dei diritti delle donne“. Parlando dell’attuale situazione in Iran, D’Amato ha aggiunto che “ognuno di noi deve supportare come può: ogni immagine che abbiamo, replichiamola e condividiamola, per far sentire il più possibile la voce degli iraniani“.

Metsola: “Il Parlamento europeo appoggia le proteste”


Oggi e questa settimana il Parlamento europeo ha fatto delle dichiarazioni molto forti a favore delle donne in Iran. Ciò che sta accadendo e che accadeva la scorsa settimana è molto preoccupante. Vediamo ogni giorno studenti e studentesse che stanno lottando per le loro libertà, cosa che appoggiamo e che continueremo ad appoggiare“. Così la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, in merito all’attuale situazione in Iran a seguito dell’uccisione, da parte della polizia morale, di Mahsa Amini.


Tag: IranRoberta MetsolaRoma