I 5 Stelle non voteranno la fiducia al governo: Conte vuole andare al voto?

La scelta annunciata dall'ex presidente del Consiglio può portare a una crisi dell'esecutivo

newsby Redazione14 Luglio 2022



Durante l’assemblea congiunta con i parlamentari del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte ha comunicato che il partito di cui è presidente lascerà oggi l’aula del Senato e non voterà la fiducia al governo presieduto da Mario Draghi. Al termine della riunione, Conte è andato via senza rispondere ai cronisti che gli chiedevano se il M5s fosse pronto anche ad andare al voto.


“Abbiamo chiesto e preteso a lungo un cambio di passo al governo nell’esclusivo interesse dei cittadini. Il presidente Draghi ha annunciato un corposo decreto che dovrebbe vedere la luce a fine luglio. Gli aiuti sin qui stanziati sappiamo che ammontano a circa 33 miliardi e sono una soluzione insufficiente”. Queste le parole del leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, all’assemblea dei parlamentari del Movimento mercoledì 13 luglio.

“Se oggi oltre un milione di famiglie sbarca il lunario ogni mese e riesce ad affrontare l’indigenza in cui vivono queste famiglie lo si deve al reddito di cittadinanza che qualcuno vuole smantellare e che come abbiamo chiarito al premier Draghi non permetteremo mai che venga smantellato. Domani al Senato non è possibile operare un voto disgiunto quindi con le medesime, lineari, coerenti motivazioni noi non parteciperemo al voto”, ha concluso Conte.

5 Stelle, Ricciardi: “Dl aiuti non sufficiente, per coerenza non voteremo fiducia al governo in Senato”


“Sentiamo la responsabilità di non partecipare al voto al Senato coerentemente con quanto fatto alla Camera e in Consiglio dei ministri. Sapevamo che questo decreto aiuti non era sufficiente e Draghi se ne è reso conto e ha illustrato a grandi linee un decreto per la fine di luglio. Governo al capolinea? Non mi piacciono queste espressioni”. Lo ha dichiarato Riccardo Ricciardi al termine dell’assemblea congiunta dei 5 Stelle in cui Conte ha annunciato che oggi il Movimento lascerà i banchi del Senato e non voterà la fiducia.

M5s, Silvestri: “Governo ha numeri per andare avanti senza di noi. Abbiamo posto dei temi”


“Siamo responsabili di avere messo dei temi centrali per il Paese: salario minimo, super bonus, reddito di cittadinanza e investimenti per calmierare le bollette. Andremo fino in fondo. Governo terminato? Ha i numeri per andare avanti anche senza di noi. Vogliamo risposte su quei temi, non vogliamo fare ricatti. Movimento 5 Stelle unito sulla scelta di non votare la fiducia al governo? Assemblea molto compatta”. Lo ha dichiarato Francesco Silvestri al termine dell’assemblea congiunta del M5s in cui Conte ha annunciato che oggi il Movimento lascerà i banchi del Senato e non voterà la fiducia.


Tag: Giuseppe ConteGovernoMovimento 5 Stelle