Giro d’Italia al via da Torino, Cirio:
“Il Piemonte riparte pedalando”

Giro d'Italia e non solo. Ecco i propositi del presidente della Regione: "Questo solo il primo di tanti eventi sportivi: vogliamo dare messaggio al mondo"

newsby Sara Iacomussi7 Maggio 2021



Il Piemonte riparte pedalando“. Con queste parole Alberto Cirio, governatore del Piemonte, presenta il Giro d’Italia alla vigilia della partenza della Corsa in Rosa che quest’anno avverrà proprio a Torino.

La metafora del Giro e del ciclismo per Torino e il Piemonte

La vita insegna che quando ci si ferma poi bisogna ripartire. Bisogna metterci impegno e fatica – è la metafora utilizzata da Cirio –. Credo quindi che l’immagine del ciclismo sia quella migliore. Come Regione abbiamo voluto investire su questa partenza del Giro, perché fosse da Torino e dal Piemonte. E soprattutto che fosse in questo momento storico ben preciso, perché noi oggi stiamo dando un messaggio all’Italia e al mondo“.

Il Giro d’Italia è uno degli eventi sportivi più importanti non solo per il nostro Paese, ma con un grande richiamo internazionale – ricorda Cirio –. Noi stiamo dicendo che il Piemonte c’è, noi stiamo bene e possiamo continuare ad accogliere i tanti turisti che hanno dimostrato di sapersi innamorare della nostra terra. E lo facciamo attraverso questo evento, che è solo il primo di una lunga serie“.

Non solo ripartenza: la situazione della campagna vaccinale

Non solo Giro, quindi, ma tanto sport che nelle prossime settimane arriverà a Torino e non solo. Così il governatore: “I prossimi appuntamenti saranno legati agli eventi internazionali del tennis, agli eventi che riguardano la nostra montagna e più in generale caratterizzano il nostro Piemonte. La nostra è una Regione che può farsi scoprire attraverso lo sport, e questo è l’obiettivo di questi giorni. Da una parte noi continuiamo a non distogliere l’attenzione neanche per un secondo dalla sanità, dalla salute, e soprattutto dalla campagna vaccinale. E io sto seguendo quest’ultima quotidianamente, per continuare a garantire i grandi livelli di vaccinazione che abbiamo già raggiunto“.

La scorsa settimana abbiamo sfiorato le 50 mila somministrazioni – spiega infatti Cirio –. Questo vuol dire che entro l’estate metteremo in sicurezza tutto il Piemonte. Dall’altra parte vogliamo ripartire e organizzare questi eventi. Che evidentemente portano con sé eventuali assembramenti. Ed è per questo che vogliamo fare il tutto con un’attenzione e una cura per la sicurezza enormi“. E in una Regione che, al netto del Giro, non vuole abbassare la guardia.


Tag: Alberto CirioCiclismoGiro d'ItaliaPiemonteTorino