Summit Onu, Draghi: “Ora 730 milioni in povertà estrema”

"La malnutrizione un problema aggravato da crisi climatica e Covid"

newsby Redazione23 Settembre 2021



Nel 2019 la malnutrizione era già in aumento. Oggi, come detto dal premier Mario Draghi durante il primo Food Systems Summit, la situazione è ancora più drammatica. Il presidente del Consiglio ha spiegato che, secondo gli ultimi dati, una persona su dieci nel mondo è malnutrita. “La pandemia e la crisi globale hanno spinto quasi 100 milioni di persone nella povertà estrema, portando il totale a 730 milioni“.

Il premier Draghi si è poi focalizzato sul cambiamento climatico, ulteriore causa della povertà e fame nel mondo. “Il cambiamento climatico ha aumentato il rischio di siccità, inondazioni ed eventi metereologici estremi che colpiscono in modo sproporzionato il settore agricolo“.

Draghi: “Italia pienamente impegnata a promuovere sistemi alimentari sostenibili e resilienti”

E ha continuato: “I cambiamenti nei modelli delle precipitazioni e le ondate di calore hanno ridotto i raccolti e la produttività della terra. L’effetto combinato della crisi sanitaria, dell’instabilità economica e del cambiamento climatico ha il potenziale per minare i nostri sforzi collettivi per combattere la fame a livello globale“.

Draghi ha concluso il suo intervento al summit Onu dichiarando che l’Italia è “pienamente impegnata a promuovere sistemi alimentari sostenibili e resilienti, sia a livello nazionale che come presidenza del G20“.

L’idea di un vertice Onu sul food è stata lanciata, nell’ottobre 2019, dal segretario generale António Guterres, preoccupato dalle minacce alla sicurezza del sistema alimentare dettate dai cambiamenti climatici, dalle malattie infettive e dall’interruzione nella catena di distribuzione dei prodotti agricoli di largo consumo.

Durante il summit, che si è svolto a New York, sono emersi diversi dati sulla povertà nel mondo, sinonimo anche di mancanza di cibo. Tra questi, il 75% delle persone che soffrono la fame vivono in aree rurali. Inoltre, la pandemia da Covid-19 ha accelerato le disuguaglianze già esistenti. Un dato sottolineato durante il suo intervento anche dal premier Draghi. Il vertice delle Nazioni Unite sui sistemi alimentari è stato un’opportunità storica per avviare una ripresa dopo la pandemia da Covid-19 e raggiungere i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile entro il 2030.

 

 


Tag: Mario DraghiOnuPovertàsummit