Autostrade, Salvini: “Presa in giro, no revoca e milioni pubblici spesi”

Il leader della Lega contesta la decisione del Governo: "Se dovevano passare tutta la notte per decidere di non decidere siamo messi male"

newsby Redazione15 Luglio 2020



Secondo il leader della Lega, Matteo Salvini, quella del Cdm è “l’ennesima presa in giro: nessuna revoca ad Autostrade, come promesso, anzi altri milioni di euro pubblici spesi e stamattina le solite drammatiche code su tutte le autostrade della Liguria con cantieri fermi”. L’ex ministro dell’Interno prosegue: “Se dovevano passare tutta la notte per decidere di non decidere siamo messi male”, aggiunge. Sull’arrivo di Cassa depositi e prestiti, aggiunge: “Secondo me la gestione pubblica non è garanzia di efficienza”, e conclude: “Il problema è far fare ai privati quello che devono fare e non mi sembra stia accadendo”.

Governo, Salvini: “Da Europa nessun aiuto, da Conte non mi aspetto nulla”


“Cosa mi aspetto da Conte in Europa? Nulla. L’Europa non sta facendo nulla per l’Italia da quattro mesi e oggi Conte dirà le solite cose. Non abbiamo visto una lira, nessun aiuto pubblico”. Matteo Salvini, leader della Lega, commenta così l’imminente Consiglio Ue a margine di una visita al compattatore romano di Rocca Cencia, a Roma.

“Coinvolgere Acea per la valorizzazione dei rifiuti”


“Roma rischia il caso rifiuti per non c’è nessun piano, la raccolta differenziata è scesa sotto il 50%, gli impianti bruciano. Abbiamo un piano di valorizzazione dei rifiuti per Roma e per il Lazio. Acea è una società che funziona e può essere coinvolta in questo processo che avviene in tutta Italia. Non si capisce perché nelle altre regioni i rifiuti sono ricchezza, a Roma invece sono schifezza. Occorrono impianti moderni, puliti come quelli in centro a Copenaghen, che portino i romani a pagare meno Tari”, conclude Salvini.

“Gabbie salariali, nostra proposta di venti anni ma ben venuto Sala”


“Gabbie salariali? Proposta della Lega di 20 anni fa, ben arrivato”. Così Matteo Salvini sulla proposta di introduzione delle “gabbie salariali” avanzata dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Proposta che ha fatto storcere il naso a più di un ministro.


Tag: AutostradeGovernoMatteo Salvini