Usa e Nato non hanno intenzione di cedere davanti alle richieste della Russia

Continua il braccio di ferro tra Occidente e Russia con USA e NATO che hanno affermato la loro ferma intenzione a non cedere alle richieste di Putin per allentare la crisi in Ucraina

usa e nato non vogliono cedere davanti alle richieste della Russia
Joe Biden e Vladimir Putin (Foto Wikimedia Commons)
newsby Giulia Martensini27 Gennaio 2022


L’amministrazione Biden e la NATO hanno detto alla Russia che non verranno fatte concessioni sulle principali richieste di Mosca per risolvere la crisi sull’Ucraina.

In risposte scritte separate consegnate ai russi, gli USA e la NATO hanno tenuto ferme la politica di apertura dell’alleanza per l’adesione. E hanno respinto la richiesta di vietare permanentemente l’adesione dell’Ucraina alla NATO. Inoltre  hanno affermato che gli schieramenti alleati di truppe ed equipaggiamenti militari nell’Europa orientale non sono negoziabili.

Non ci sono cambiamenti, non ci saranno cambiamenti“, ha detto il segretario di Stato Antony Blinken. Inoltre, non sarà possibile negoziare la risposta di Washington e dell’Europa a qualsiasi invasione russa dell’Ucraina, ha affermato. Ripetendo il mantra secondo cui qualsiasi incursione del genere sarebbe stata accolta con enormi conseguenze e gravi costi economici.

La Russia pronta alla ritorsione

Le risposte non sono giunte inaspettate e rispecchiano ciò che alti funzionari americani e della NATO hanno affermato per settimane. Tuttavia, loro e l’eventuale reazione russa nei loro confronti potrebbero determinare se l’Europa potrebbe precipitare  in una nuova guerra.

Non c’è stata una risposta immediata dalla Russia, ma i funzionari russi hanno avvertito che Mosca avrebbe rapidamente adottato “misure di ritorsione” se gli USA e i loro alleati avessero respinto le sue richieste.

Alla ricerca di possibili rampe di uscita che consentirebbero alla Russia di ritirare le circa 100.000 truppe che ha dispiegato vicino al confine con l’Ucraina senza che sembri aver perso una battaglia di volontà, la risposta statunitense ha delineato le aree in cui alcune delle preoccupazioni della Russia potrebbero essere affrontate, a condizione che de – intensifichi le tensioni con l’Ucraina.

La risposta di Washington alle richieste di Putin

Parlando con i giornalisti a Washington, Blinken ha affermato che la Russia non sarebbe sorpresa dal contenuto del documento americano di diverse pagine che l’ambasciatore americano in Russia John Sullivan ha consegnato mercoledì al ministero degli Esteri russo.

Tutto sommato, traccia un serio percorso diplomatico in avanti se la Russia lo scegliesse“, ha detto. “Il documento che abbiamo consegnato include le preoccupazioni degli USAe dei nostri alleati e partner sulle azioni della Russia che minano la sicurezza. Una valutazione delle preoccupazioni che la Russia ha sollevato e le nostre proposte per aree in cui potremmo essere in grado di trovare un terreno comune”.

Blinken ha detto che spera di parlare con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov della risposta nei prossimi giorni. Ma ha sottolineato che la decisione di perseguire la diplomazia o il conflitto rimane della Russia e, più specificamente, del presidente russo Vladimir Putin.

Vedremo come risponderanno“, ha detto. “Ma non c’è dubbio nella mia mente che se la Russia dovesse affrontare questo problema seriamente e in uno spirito di reciprocità con la determinazione di rafforzare la sicurezza collettiva per tutti noi, ci sono cose molto positive in questo documento che potrebbero essere perseguite. Non possiamo prendere questa decisione per il presidente Putin“.

L’offerta della NATO alla Russia

Poco dopo l’intervento di Blinken, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato a Bruxelles che l’alleanza aveva inviato una risposta separata alla Russia. Questa contiene un’offerta per migliorare le comunicazioni, esaminare i modi per evitare incidenti militari e discutere il controllo degli armamenti. Ma, come Blinken, ha rifiutato qualsiasi tentativo di fermare l’adesione.

Non possiamo e non vogliamo scendere a compromessi sui principi su cui poggiano la sicurezza della nostra alleanza e la sicurezza in Europa e Nord America“, ha affermato Stoltenberg. “Si tratta di rispettare le nazioni e il loro diritto di scegliere la propria strada“.

La Russia dovrebbe astenersi da atteggiamenti coercitivi, retorica aggressiva e attività maligne dirette contro alleati e altre nazioni. La Russia dovrebbe anche ritirare le sue forze da Ucraina, Georgia e Moldova, dove sono schierate senza il consenso di questi paesi”, ha affermato.

Le proposte di Washington riprese nel documento NATO, includono il potenziale per negoziati su piazzamenti di missili offensivi ed esercitazioni militari nell’Europa orientale. Nonché ampi accordi sul controllo degli armamenti fintanto che la Russia ritirerà le sue truppe dal confine ucraino e accetti di fermare la retorica incendiaria progettata per approfondire le divisioni e le discordie tra gli alleati e all’interno della stessa Ucraina.

Il Cremlino ha ripetutamente negato di avere in programma di attaccare l’Ucraina. Tuttavia Biden e la NATO sono preoccupati per la Russia che continua ad ammassare le sue truppe vicino all’Ucraina e condurre una serie di manovre militari.

L’Occidente sta liberando le sua ambasciate in Ucraina

Parlando con i legislatori russi mercoledì prima che le risposte degli USAe della NATO venissero fornite, Lavrov ha affermato che lui e altri alti funzionari consiglieranno Putin sui prossimi passi.

Se l’Occidente continua il suo corso aggressivo, Mosca prenderà le misure di ritorsione necessarie“, ha detto Lavrov.

Ma ha indicato che la Russia non avrebbe aspettato per sempre. “Non permetteremo che le nostre proposte vengano affogate in discussioni infinite“, ha detto.

Tra le tensioni, USA, Gran Bretagna, Australia, Germania e Canada si sono mossi per ritirare alcuni dei loro diplomatici e dipendenti da Kiev. Una mossa che il presidente Volodymyr Zelenskyy ha cercato di minimizzare martedì come parte di un “complesso gioco diplomatico“.

Mercoledì, gli USA hanno esortato gli americani in Ucraina a prendere in considerazione la possibilità di andarsene. Affermando che la situazione della sicurezza “continua a essere imprevedibile a causa della crescente minaccia di un’azione militare russa e può deteriorarsi con poco preavviso“.

Continuano i colloqui tra Europa e Russia

Gli inviati di Russia, Ucraina, Francia e Germania si sono incontrati mercoledì per più di otto ore a Parigi sul conflitto separatista. Sebbene non ci fosse stata una svolta, hanno promesso di incontrarsi per nuovi colloqui tra due settimane a Berlino.

L’ufficio del presidente francese ha dichiarato in seguito in una dichiarazione che le parti sostengono il “rispetto incondizionato” per un cessate il fuoco nell’Ucraina orientale.

I colloqui si sono concentrati sull’accordo di pace di Minsk del 2015 volto a porre fine al conflitto e la dichiarazione non ha affrontato le attuali preoccupazioni sull’invasione russa dell’Ucraina.

Queste sono questioni diverse e non ne abbiamo discusso“, ha detto l’inviato del Cremlino Dmitry Kozak.

Il rappresentante ucraino, Andriy Yermak, era cautamente ottimista riguardo ai colloqui di mercoledì, che secondo lui hanno segnato il primo grande progresso da dicembre 2019. Ha anche riconosciuto che non hanno affrontato direttamente le attuali tensioni al confine o risolto le divergenze passate.

Certo, non sarei onesto se dicessi che tutti noi vogliamo risultati più veloci e più grandi”, ha detto Yermak. “E ovviamente non c’è niente di più grande del desiderio del popolo ucraino di fermare la guerra, di riportare indietro i nostri territori e il nostro popolo“.

Yermak ha anche affermato che gli ucraini hanno ripetutamente sollevato la questione delle truppe ora ammassate al confine. “Questa è la vera minaccia“, ha detto. “Ho detto chiaramente oggi che ci aspettiamo una riduzione dell’escalation non solo intorno ai territori occupati, ma anche in generale una riduzione dell’escalation attorno ai confini ucraini“.

L’Occidente potrebbe tagliare fuori la Russia dallo SWIFT, giocando la carta più pesante

Mentre i governi occidentali minacciano la Russia con un pacchetto di sanzioni senza precedenti volte a dissuadere il presidente Vladimir Putin dall’ordinare un invasione dell’Ucraina, c’è una misura in particolare che sembra incutere timore nel cuore del Cremlino: tagliare il paese fuori dal sistema bancario globale .
I legislatori statunitensi hanno suggerito nelle ultime settimane che la Russia potrebbe essere rimossa da SWIFT, una rete di alta sicurezza che collega migliaia di istituzioni finanziarie in tutto il mondo.

La Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication è stata fondata nel 1973 per sostituire il telex.  Ora utilizzata da oltre 11.000 istituzioni finanziarie per inviare messaggi e ordini di pagamento sicuri. Senza un’alternativa accettata a livello globale, è essenziale per la finanza globale.

Rimuovere la Russia da SWIFT renderebbe quasi impossibile per le istituzioni finanziarie inviare denaro dentro o fuori il paese. Provocando uno shock improvviso per le società russe e i loro clienti stranieri, in particolare gli acquirenti di esportazioni di petrolio e gas denominate in dollari USA.

Alti legislatori russi hanno risposto affermando che le spedizioni di petrolio, gas e metalli in Europa si interromperebbero se ciò accadesse.
“Se la Russia viene disconnessa da SWIFT, non riceveremo valuta straniera. Ma gli acquirenti, in primo luogo i paesi europei, non riceveranno le nostre merci: petrolio, gas, metalli e altri componenti importanti“, hanno fatto sapere fonti russe.

 


Tag: Joe BidenRussiaStati UnitiUcrainaVladimir Putin