Oms, l’Europa ancora una volta al centro della pandemia di Covid

L'OMS lancia un allarme sulla nuova ondata di contagi e ricoveri che sta colpendo l'Europa: con mezzo milione di decessi previsti entro febbraio 2022

covid, europa torna al centro della pandemia
Foto Unsplash | Martin Sanchez
newsby Giulia Martensini4 Novembre 2021


La copertura vaccinale irregolare e un allentamento delle misure preventive hanno portato l’Europa a un “punto critico” nella pandemia, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità. Diverse nazioni hanno registrato contagi a livelli record, dall’inizio della pandemia. Con 500.000 morti in più previsti entro febbraio.

Hans Kluge, direttore dell’Oms per l’Europa, ha sottolineato che tutti i 53 Paesi della regione stanno affrontando “una minaccia reale di ripresa di Covid-19 o la stanno già combattendo“. Esortando i governi a reimpostare o continuare con le misure sociali e di salute pubblica.

Siamo, ancora una volta, all’epicentro“, ha detto. “Con una diffusa recrudescenza del virus, chiedo a ogni autorità sanitaria di riconsiderare attentamente le misure di allentamento o revoca in questo momento“.

I Paesi del Centro-est Europa tra i più colpiti

Catherine Smallwood, responsabile delle emergenze europee dell’OMS, ha affermato che i Paesi che hanno revocato le misure preventive hanno registrato un aumento delle infezioni.

Abbiamo molti individui sensibili, anche nei paesi ad alta vaccinazione, e questo sta portando a focolai esplosivi imprevedibili di Covid-19. E non è lì che vorremmo essere in questo momento“.

La Germania ha riportato un numero record di casi di Covid-19 giovedì, con 33.949 infezioni nelle ultime 24 ore.

La Bulgaria e la Romania, i due paesi dell’UE orientale con i tassi di vaccinazione più bassi del blocco questa settimana hanno riportato il più alto numero di morti giornaliere per Covid-19 dall’inizio della pandemia.

Tra i Paesi con il maggior numero di nuove infezioni giornaliere, Lettonia, Lituania ed Estonia stanno affrontando un sovraccarico critico dei loro sistemi sanitari e misure di inasprimento. La Lettonia ha anche imposto un coprifuoco notturno, vietando tutti gli incontri pubblici e privati ​​e limitando lo shopping a tutti ma beni essenziali.

Bassi tassi di vaccinazione

Kluge ha affermato che il numero di casi in Europa e in Asia centrale è aumentato del 6% in una settimana e i decessi del 12%, con nuove infezioni giornaliere in aumento del 55% nell’ultimo mese. L’Europa e l’Asia centrale insieme rappresentano ora il 59% di tutti i casi confermati a livello globale e quasi la metà di tutti i decessi.

La colpa è dell’insufficiente copertura vaccinale e dell’allentamento della sanità pubblica e delle misure sociali, ha affermato.

Ma mentre il 70% delle persone in alcuni Paesi è completamente vaccinato, in altri appena il 10% lo è. “Laddove l’assorbimento del vaccino è basso, in molti paesi dei Paesi baltici, dell’Europa centrale e orientale, i tassi di ricovero ospedaliero sono elevati“, ha affermato.

Secondo i dati più recenti, in Italia, il 72% della popolazione è vaccinata con almeno 2 dosi, mentre il 77% ha ricevuto almeno una dose. L’obbligo del green pass ha provocato un’accelerazione sui vaccini. Meglio di noi solo la Spagna, con l’80% dei cittadini completamente vaccinati.

Tuttavia, anche in Italia i casi di Covid e i ricoveri sono in aumento. Oggi il tasso di positività è all’1,1%, in lieve aumento rispetto all’0,7% di ieri.

Previsti mezzo milione di decessi Covid entro febbraio

Il direttore dell’OMS ha affermato che lo sviluppo più allarmante è stato il rapido aumento delle infezioni e dei decessi nei gruppi di popolazione più anziana. Con tassi di ricovero ospedaliero più che raddoppiati in una settimana e il 75% dei casi mortali che si verificano ora in persone di età pari o superiore a 65 anni.

Se rimaniamo su questa traiettoria, potremmo vedere un altro mezzo milione di morti per Covid-19 in Europa e in Asia centrale entro il primo febbraio del prossimo anno. Mentre 43 paesi della nostra regione dovranno affrontare uno stress da alto a estremo sui letti d’ospedale“, ha dichiarato Kluge.

Le misure di salute pubblica come il test e la traccia e le misure sociali come l’uso della maschera e il distanziamento, sono ugualmente vitali. Le stime dell’OMS suggeriscono che l’uso universale della maschera del 95% in Europa e in Asia centrale “potrebbe risparmiare fino a 188.000″ del mezzo milione di vite che potremmo perdere” prima di febbraio.


Tag: Covid-19EuropaOmspandemia